Sparare munizioni al fosforo è una “zona grigia” del diritto di guerra

Sparare munizioni al fosforo è una “zona grigia” del diritto di guerra

L’Ucraina afferma che l’esercito russo ha dispiegato munizioni al fosforo nell’Ucraina orientale lo scorso fine settimana. Se tali esplosivi infiammabili fossero effettivamente usati in la città di Popasna, potrebbe essere un crimine di guerra. Tuttavia, l’uso del fosforo bianco è autorizzato a determinate condizioni per scopi militari.

“E’ una zona grigia, spiega Jan Tijmen Ninck Blok, consigliere di diritto internazionale umanitario presso la Croce Rossa. L’uso del fosforo bianco non è direttamente vietato dalle leggi di guerra e rientra nella categoria delle armi. fuoco”.

Gravi ustioni

Con un calore fino a 800 gradi Celsius, pezzi di fosforo possono bruciare fino alle ossa a contatto con la pelle umana. La sostanza chimica viene utilizzata nell’esercito, tra le altre cose, per creare cortine fumogene, illuminare aree al buio o contrassegnare bersagli.

Tutti i tipi di fattori e circostanze giocano un ruolo nel determinare se un’arma del genere è stata usata proporzionalmente in un contesto militare, che è ciò che riguarda il diritto di guerra dal punto di vista legale. Ad esempio: abbiamo scelto il mezzo più leggero possibile, è stato fatto di tutto per avvertire i cittadini o proteggerli il più possibile? “Ci sono molte cose in gioco”, spiega l’avvocato Ninck Blok.

Le autorità ucraine hanno condiviso questa foto del possibile attacco a Popasna:

READ  "Si sono tolti la maschera e hanno mandato in piazza i cecchini" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *