“Mancano 13 finali, ora posso finalmente scegliere”

PARMA – Il secondo Milan è ora a sei punti di distacco. L’Inter di Antonio Conte ha avuto bisogno di una doppietta di Alexis Sanchez nella ripresa per battere il Parma 2-1. Nonostante un po ‘di sofferenza nel finale, i nerazzurri hanno raggiunto l’obiettivo prefissato. Il tecnico pugliese non ha nascosto la sua soddisfazione ai microfoni di Sky al termine del match: “Partita giocata da entrambe le squadre, abbiamo avuto tante occasioni per arrotondare il risultato. Complimenti al Parma, che ha in rosa giocatori importanti, ottimo allenatore. Sono stati bravi, auguro il meglio a questa squadra. Ecco perché prima di queste ultime due partite ho detto che erano due esami finali. Quando si tratta di tirare fuori unghie e denti, devi essere bravo. Stiamo migliorando. Sul 2-0 abbiamo subito gol e dovevamo fare di meglio, è normale che tu sia preoccupato in questo momento. Ma non credo che Handanovic abbia fatto parate particolari“.

La carica di Conte su Hakimi

Divertente il sipario con Hakimi nella partita finale: “Non è stato uno schiaffo, gli ho detto bene. Era molto bravo, si stava riprendendo, è andato a fare pressione e costringere il Parma a mandarla via. Questa situazione ha posto fine alla partita, sono stati i tre punti. Sono contento per i giocatori, che mostrano ancora un’ottima applicazione. Aumenta la resilienza e non è stato facile. Così buono”. Anche fuori casa, il tecnico dell’Inter ha aggiunto: “Penso di essere un allenatore molto democratico. Non do niente a nessuno e aspetto fino a un certo punto. Sanno benissimo che abbiamo un’idea, c’è una squadra e l’individuo viene dopo.. Lo sanno. molto bene che se vogliono essere d’accordo con me devono farlo. Ho un gruppo di ragazzi entusiasti. Lo stesso Hakimi ha avuto qualche difficoltà all’inizio, ha fatto bene in fase offensiva ma ha lasciato a desiderare in difesa Lui ha scaldato il sedile in panchina alcune volte, come è successo anche a lui su altri. E non dimentichiamo che Darmian ha giocato per lui l’ultima partita e secondo me è stato tra i migliori“.

READ  "Ferrari, vendetta dopo un anno buio"

Resoconto della partita Parma-Inter

Il giudizio su Sanchez

Conte ha elogiato l’autore della doppietta decisiva, Alexis Sanchez: “Ho parlato di Sanchez ieri. Non oggi che ha segnato due gol. Ora è in uno stato psicofisico come non lo era mai stato da quando è qui. Complimenti a lui e bene per noi avere molta pazienza con lui per farlo funzionare. Sa che il lavoro lo ha portato lì. E anche Romelu e Lautaro sanno che Sanchez è dietro di loro. Creare questa situazione diventa importante per noi. Per un anno e mezzo abbiamo continuato con due attaccanti. L’anno scorso abbiamo avuto Esposito che ora gioca in serie B, quest’anno abbiamo un altro ragazzo, Andrea Pinamonti, che credo possa diventare un giocatore forte. Ma anche lui è giovane e ha molta strada da fare. Deve usare quest’anno per diventare più forte. Bene, per avere una scelta, devi guardare le partite. Fino ad ora, non ho mai avuto queste preoccupazioni, facendo il segno della croce che nessuno è ferito. Adesso sono decisamente più calmo e lo sono anche la squadra. Sono tutti coinvolti“.

Corsa per lo scudetto

Riguardo all’analisi tattica della partita, Conte spiega l’attenzione al recupero del pallone: ​​”I giocatori sanno molto bene che quando perdi la palla devi cercare di recuperarla in 5-6 secondi. Se dopo un attacco di 5-6 secondi non abbiamo successo, dobbiamo abbassarci. Prima di fare una cosa, ora possiamo scegliere una zona di attesa per ricominciare con la pressione. Anche durante il gioco sono in grado di riconoscere le situazioni. Prima, tuttavia, abbiamo iniziato in un modo e siamo finiti allo stesso modo. Oggi non è stato facile, avevamo studiato il Parma, ci aspettavano per salire in alto per separarci in due tra difesa e centrocampista con il pallone lungo per Kucka e l’esterno che avrebbe attaccato in profondità. Quando si tratta di aree urgenti, valutiamo la squadra avversaria e cerchiamo di capire dove può farci del male.“Il tecnico dell’Inter chiude con la fuga dallo scudetto:”Siamo sicuramente in una classifica molto buona, rispetto allo scorso anno siamo davanti a tutti. C’è stato un miglioramento significativo da questo punto di vista. Mancano 13 partite, ma il campionato italiano è una battaglia, puoi perdere punti contro tutti. Non dovresti mai sottovalutare nessuno. Abbiamo 13 finali in arrivo, vogliamo giocarle con tutti che fanno del loro meglio. Se arriveremo al primo posto ne saremo orgogliosi, perché in breve tempo avremo fatto passi da gigante“.

READ  Partecipazione a 20, referendum ed elezioni regionali: alle 23 quasi il 40% degli aventi diritto. In Veneto il 46% alle urne, in Campania 38

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *