Striscia di Gaza, Israele pronto all’invasione terrestre: “Ci stiamo preparando al combattimento”. E questo attira 9mila riservisti in più: 16mila in totale

Mentre continuano gli scontri, il lancio di razzi e le incursioni tra Israele e Territori palestinesi, la possibilità un’invasione di terra di Gaza dai militari dello stato ebraico, sette anni dopo Bordo protettivo chi ha causato il morte di oltre 2.200 persone in meno di due mesi. Israele Spedire rinforzi al confine, come riportato dal tenente colonnello Jonathan conricus, portavoce diIdf: “Ci sono truppe che vengono spostate al confine. È un gesto preparatorio ”, ha dichiarato citato da Bbc, aggiungendo che il governo ha ordinato ai comandanti e al personale militare al confine con Gaza di prepararsi a “qualsiasi eventualità di escalation”. I soldati che sono attualmente al confine con Gaza, ha detto il portavoce dell’IDF, “sono in procedura di combattimento, in pratica si preparano per la battagliaMa, ha aggiunto, l’invasione “non è necessariamente la prima cosa che facciamo la mattina. Il nostro scopo è diminuire le capacità del nemico”. Nel frattempo, però, altri sono stati richiamati. 9mila riservisti, per un totale di 16.000, e tutte le licenze sono state bloccate.

Mentre la soluzione della crisi sembra sempre più lontana, con le formazioni di base a Gaza che secondo il Radio militare Gli israeliani hanno già lanciato 1600 razzi, il numero delle vittime è in aumento. Questa mattina il ministero della Salute palestinese ha annunciato che lo sono almeno 83 i morti dall’inizio degli scontri lunedì scorso, più di 500 persone sono rimaste ferite. Tra le vittime, secondo le autorità della banda controllata da Hamas, ci sono 17 minori e sette donne, in direzione quattro volte quelli di Israele. Nella notte, territori di Hamas Li avevamo lanciato 130 razzi: di questi, molti sono stati intercettati dal sistema di difesa israeliano Una cupola di ferro. L’esercito, dall’inizio del conflitto lunedì scorso, ha reagito colpendo di più 650 Obiettivi militare nel Spogliarsi e neutralizzare “tra i 60 e gli 80 militanti”: tra questi un tunnel di Hamas e anche alcune infrastrutture. centri di comando. E iniziano a suonare il file sirene di allarme a Tel Aviv: subito dopo si è udito il rumore delle esplosioni dall’alto e si sono visti dei fulmini in cielo per l’intercettazione dei razzi da parte del sistema di difesa Una cupola di ferro.

READ  "Lo ha preso in giro", un dramma che si è avvicinato alla Casa Bianca - Libero Quotidiano

Nel frattempo, lo stato maggiore delle forze armate israeliane ha detto che presenterà piani per un possibile invasione sul pavimento di Striscia di Gaza. La divisione di Gaza e l’IDF Southern Command (le forze di difesa israeliane) li stanno preparando. I piani – da quello che leggiamo Ora da Israele – sarà quindi presentato al governo, che è responsabile della decisione finale. Negli ultimi giorni, l’IDF ha spostato ulteriori truppe di terra al confine con la Striscia di Gaza. Sono soldati della Brigata Paracadutisti, della Brigata Fanteria Golani e della 7ª Brigata. In particolare, ha riferito Canale 12, l’esercito intende colpire il “Simboli del potere di Hamas“, E in particolare il tuo le strutture finanziario. Secondo i media israeliani, il primo ministro Netanyahu escludere in questo momento a cessate il fuoco. A causa della situazione complicata, i voli passeggeri in arrivo aaeroporto Ben Gurion sono stati dirottati all’aeroporto di Ramon vicino a Eilat, in nel sud del paese.

Questa mattina, 100.000 fedeli palestinesi si sono riuniti sul Monte del Tempio nella Città Vecchia di Gerusalemme, dove si trova la Moschea di al-Aqsa, per le preghiere delEid al-Fitr, la festa che celebra la fine del Ramadan, il mese sacro dell’Islam. Lo hanno riferito i media palestinesi. Diverse bandiere palestinesi sventolate dai fedeli. L’emittente al-Jazeera pubblica invece le immagini delle preghiere guidate dai palestinesi per l’Eid nella Striscia di Gaza, mostrando strade deserte e edifici bombardati. I leader religiosi hanno chiesto la calma.

READ  Covid: Primo ministro svedese, la nostra strategia non è cambiata - Ultima Ora

Sul piano diplomatico, la situazione resta bloccata. Ieri sera il stati Uniti ha nuovamente bloccato l’adozione di una dichiarazione di Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla crisi in Medio Oriente a giudicare “controproducente”, nel corso di una riunione a porte chiuse che potrebbe però essere seguita nei prossimi giorni da una nuova seduta questa volta pubblica. Alla seconda riunione di emergenza in tre giorni richiesta da Tunisia, Norvegia e Cina, gli Stati Uniti hanno respinto ieri, come lunedì, la proposta di questi paesi di adottare una dichiarazione che chiedesse “una riduzione dell’escalation, un cessate il fuoco e la ripresa dei negoziati”. Israele rifiuta qualsiasi coinvolgimento del Consiglio di sicurezza nel conflitto e Washington, il più vicino sostenitore dello stato ebraico, si è mosso in questa direzione, secondo diversi diplomatici. Per gli Stati Uniti, “il Consiglio di sicurezza mostra la sua preoccupazione incontrandosi, non c’è nient’altro da fare”, ha detto una fonte diplomatica. Secondo diverse altre fonti, 14 dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza erano favorevoli all’approvazione del testo proposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *