IN DIRETTA |  Truppe cinesi in Russia per una grande esercitazione militare |  All’estero

IN DIRETTA | Truppe cinesi in Russia per una grande esercitazione militare | All’estero

07:00 – Truppe cinesi in Russia per un’esercitazione militare

Le truppe cinesi parteciperanno a un’esercitazione militare in Russia alla fine di questo mese. Il ministero della Difesa cinese ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione di voler rafforzare i legami con Mosca. Anche i paesi della Bielorussia, dell’India e della Mongolia partecipano all’esercitazione di più giorni Vostok.

Mosca ha affermato che l’esercitazione dell’esercito, svoltasi di recente nel 2018 nell’Estremo Oriente al confine con la Cina, si svolgerà dal 30 agosto al 5 settembre. In una dichiarazione, l’esercito cinese ha affermato che parteciperà “al miglioramento della cooperazione militare tra i paesi partecipanti”.

L’esercizio dovrebbe rafforzare la capacità “di rispondere a varie minacce alla sicurezza”, scrive la Cina. L'”attuale situazione internazionale e regionale” non ha nulla a che vedere con la partecipazione dell’esercito cinese all’esercitazione, sottolinea Pechino.

Questa è la seconda volta quest’anno che i soldati cinesi e russi si addestrano insieme. L’ultima volta è stata alla fine di maggio, quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha visitato la capitale giapponese, Tokyo.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che gli Stati Uniti “non stanno cercando nulla” dietro l’esercizio congiunto. Price afferma che “una stretta relazione tra Cina e Russia compromette la sicurezza globale”.

05:00 – L’accordo sul grano e le armi si scontrano per il dispiegamento di una centrale nucleare in visita al capo delle Nazioni Unite

Giovedì il capo delle Nazioni Unite António Guterres è in Ucraina per un incontro con il presidente ucraino Zelensky e il suo omologo turco Erdogan. L’incontro di Lviv segue gli sforzi riusciti della Turchia e delle Nazioni Unite per garantire le esportazioni alimentari dell’Ucraina via mare.

READ  "Adesso mi metto in gioco"

Nonostante la guerra, i prodotti alimentari ucraini, in particolare i cereali, possono salpare in sicurezza verso le acque turche grazie all’accordo internazionale raggiunto a fine luglio dai porti ucraini sull’altra sponda del Mar Nero. Ma Guterres dovrebbe anche discutere con Zelenski delle possibilità di porre fine alla battaglia al fronte e in particolare alla grande centrale nucleare di Enerhodar nella regione di Zaporizhzhya. Questa centrale nucleare cadde nelle mani dei russi all’inizio della guerra. António Guterres spera di poter aiutare a organizzare un’altra visita dell’autorità di vigilanza nucleare dell’ONU, l’AIEA, alla centrale nucleare.

Da quando l’Ucraina, la Russia, la Turchia e le Nazioni Unite hanno firmato un accordo sull’esportazione di prodotti agricoli ucraini, secondo le Nazioni Unite, oltre 560.000 tonnellate di grano sono state esportate dai porti controllati dal governo ucraino. La guerra tra i due colossali esportatori di cereali e fertilizzanti, Russia e Ucraina, ha privato il mercato mondiale di una parte importante della fornitura di questi prodotti. Ciò porta a aumenti dei prezzi e, nei paesi poveri dipendenti dalle importazioni, a carenze alimentari pericolose per la vita.

Venerdì, António Guterres visiterà il porto più grande dell’Ucraina, Odessa. Sabato visiterà il centro di coordinamento di Istanbul dove i rappresentanti di Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite stanno organizzando l’attuazione dell’accordo sul grano.

00.01 – Sei morti nell’attacco missilistico russo a Kharkov: “Cinico attacco ai civili”

Almeno sei persone sono rimaste uccise in un attacco missilistico contro la città ucraina di Kharkov mercoledì notte, riferiscono le autorità locali. Secondo quanto riferito, i razzi hanno colpito edifici nella zona residenziale di Saltivskyi.

Un filmato non confermato mostra diversi edifici in fiamme. I vigili del fuoco combattono le fiamme. Nell’attacco sono rimaste ferite anche sedici persone.

READ  L'Ucraina candidata all'UE? Zelenski riceve oggi un messaggio da Bruxelles

Il presidente ucraino Volodomir Zelensky ha reagito furiosamente all’attacco. “Questo è un cinico attacco ai civili senza alcuna giustificazione. Questo mostra l’impotenza della Russia. Non lo perdoneremo mai e vendicheremo questo attacco”, ha detto Zelenski tramite Telegram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *