Sul Tivùsat arrivano 23 nuovi canali di notizie: cosa sono

Ben 23 canali TV di più in un solo giorno: dal 18 dicembre i 23 canali di TGR, quotidiano regionale della Rai, che ha redazioni in tutte le regioni italiane e trasmette lo storico TG Regione e programmi di approfondimento come Morning News e Buongiorno Regione, arriva sulla piattaforma tivùsat. I nuovi canali Rai si aggiungeranno alla già ricca offerta di tutti i canali di notizie su tivùsat.

Nuovi canali saranno disponibili da dal numero 301 fino al 323, una per ogni regione da Nord a Sud (301 trasmissioni del TG valdostano, 323 quella della Sicilia), più quelle riservate alle minoranze linguistiche. È reale rivoluzione per la Rai, che ora fornisce informazioni regionali a livello nazionale. Ed è anche una grande comodità per chi vive fuori dalla propria regione ma desidera continuare a ricevere informazioni sulla Rai dalla propria terra. Ecco come vedere i nuovi canali e cosa sono decoder compatibili in grado di vederli.

Come vedere i 23 nuovi canali su tivùsat

Per vedere i nuovi canali Rai su tivùsat la maggior parte dei telespettatori non dovrà fare altro che visitare il proprio canale locale dalla mattina del 18 dicembre. Tuttavia, con alcuni decoder certificati tivùsat, potrebbe essere necessario uno semplice va bene.

Tutto questo però con un limite: i 23 canali regionali della Rai saranno trasmessi solo in HD. Così, chi ha un decoder tivùsat certificato HD o 4K non avrà problemi, mentre chi ha un vecchio decoder SD non vedrà i nuovi canali. Tutti i decoder tivùsat hanno divinità badge di identificazione grazie al quale è molto facile capire se potranno vedere o meno i 23 nuovi canali.

READ  "È un istrione straordinario e un lucido pianificatore"

Un modo molto semplice per scoprire se il tuo decoder tivùsat potrà visualizzare nuovi canali è andare su Rai1 HD o Rai3 HD (canali 101 e 103). Se i canali vengono visualizzati correttamente, il decoder visualizzerà anche i 23 nuovi canali regionali senza problemi.

Tivùsat: il cambio passa per DVB S-2

Per chi ha un decoder tivùsat a risoluzione standard precedente, ora è il momento di passare a un decoder certificato. tivùsatHD O tivùsat4K. Rai, Mediaset, Discovery, Sky e altre emittenti sono infatti già passate o stanno per passare (entro fine 2020) allo standard di trasmissione. DVB S-2.

Questo standard è il risposta satellitare a DVB T-2 della seconda generazione del digitale terrestre e permette la trasmissione di molti più canali in alta risoluzione (anche 4K, ma solo su tivùsat) utilizzando molta meno banda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *