Super league, Perez non alza bandiera bianca e crede ad Agnelli

La Super League, infatti, è stata distrutta. Il grande sogno dei 12 club fondatori è fallito dopo pochi giorni. Tuttavia, c’è ancora chi crede ciecamente nel progetto come Florentino Perez, quello che era stato a capo della Super League.

In una lunga intervista a El Larguero su Cadena Ser, l’attuale presidente del Real Madrid ha chiarito il futuro del progetto Superlega: “È in attesa, esiste. Juve e Milan non sono partite. Siamo tutti insieme. E il Barcellona sta pensando ”.

Chiarimenti anche sul rapporto con la Juventus di Andrea Agnelli, finito nella bufera mediatica in questi ultimi giorni: “C’è confusione di informazioni. Dicono che la Juve non c’è, non è vero. Gli ho parlato tre volte (Andrea Agnelli, ndr) solo oggi, la Juve è ancora nel progetto.

Proprio come Aleksander Ceferin è bravo a vincere e riflette su come comportarsi nei confronti del Real Madrid, Florentino Perez afferma: “Il calcio è stato mantenuto per tutta la vita da grandi club. Nel tennis, è mantenuto da grandi giocatori. il Positivo il fenomeno Messi per il calcio spagnolo e il calcio in generale. Alcuni di noi hanno dato un altro formato per generare denaro perché altrimenti il ​​calcio morirà ”.

Insomma, secondo il numero uno dei club più famosi al mondo, non c’è più tempo e bisogna fare qualcosa in fretta. Anche il nuovo formato della Champions League è stato respinto (“Dato che la UEFA parla del 2024, non so dove saremo. Nessuno capisce il nuovo formato della Champions League. Io, che non sono pazzo, non l’ho capito “).

READ  Bergomi: “Porto l'Inter nel cuore. Scudetto? Nessuna fuga: ora tutto va per il verso giusto "

Un messaggio chiaro e forte alla UEFA, ora chiamata a trovare una soluzione per dare una mano concreta ai 12 club fondatori perché, come nota Florentino Perez, “… ci sono giochi che nessuno guarda ”.

OMNISPORT | 22-04-2021 09:02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *