Supercooled Jochem (17) è rimasto bloccato sulle montagne russe di Plopsaland per quasi sei ore

Jochem Verzijl, 17 anni, di Wijk en Aalburg, è rimasto bloccato per ore sabato a un’altezza di 30 metri sulle montagne russe a Plopsaland in Belgio. Con una temperatura corporea di appena 33 gradi e gambe intorpidite, è stato soccorso dai vigili del fuoco. “Faceva molto freddo”, dice Jochem.

I servizi di emergenza dei nostri vicini a sud hanno lanciato l’allerta sabato quando i carrelli delle famose montagne russe La corsa verso la felicità fermato a grande altezza. Nove persone erano sui carri, incluso Jochem, 17 anni, di Wijk en Aalburg.

Il suo curriculum quel giorno mostra che è un vero fan delle montagne russe. Era il suo decimo giro nell’attrazione, aperta l’anno scorso, in cui le persone vengono catapultate e abbattute cinque volte. Suo padre pensò che fosse abbastanza dopo una volta. “All’epoca aveva già finito. Ma mi dà il mio piacere, quindi me lo ha lasciato fare”, dice Jochem. E così papa Verzijl stava aspettando al piano di sotto, ignaro che non avrebbe abbracciato suo figlio fino a sei ore dopo.

Dopo essere stato lanciato, le montagne russe si sono improvvisamente fermate a un’altezza di 30 metri. “All’inizio, tutti erano super eccitati. Era ancora giorno e la vista su Plopsaland era molto bella. Tutti esultavano”, dice de Brabander. Ma quella risata svanì presto. Le piogge torrenziali e le conseguenze della tempesta Eunice hanno fatto gelare lassù. “Indossavo abiti pesanti, ma a causa della pioggia ero completamente inzuppato”.

Al calare della notte, i servizi di emergenza erano massicciamente presenti sull’attrazione. I vigili del fuoco hanno lottato per liberare i temerari. A causa del forte vento, la benna della gru dove sedevano i soccorritori stava girando. Jochem all’inizio non ne era a conoscenza. Era seduto proprio davanti e non poteva vedere cosa stesse succedendo sotto di lui.

READ  Fallisce in parlamento la legge Usa per legalizzare l'aborto | All'estero

Nessuno si è seduto accanto a lui. Dietro di lui – nella direzione opposta – c’era un ragazzo tedesco, ma la comunicazione era difficile. “Soffiava così forte che riuscivo a malapena a capirlo. Mi sentivo abbastanza solo”.

Dopo qualche ora, Jochem ha sentito il tedesco: “I vigili del fuoco hanno appena salvato qualcuno! Pochi istanti dopo, è stata anche la volta dell’adolescente.

“Sono stato messo su una specie di imbracatura da arrampicata e incatenato alla gru mentre ero ancora nel carrello. Poi mi hanno aiutato a salire sulla gru. È stata una buona cosa, perché non sentivo più le gambe”.

Una volta al piano di sotto, Jochem era avvolto nelle coperte: la sua temperatura corporea era di soli 33 gradi. Un’ambulanza ha portato Jochem e suo padre in ospedale con una flebo.

Dopo che un medico ha detto che il paziente stava bene, Jochem è stato autorizzato a tornare a casa. Il giorno dopo, il giovane Brabander riferisce sobriamente che sta bene. “Le mie dita sono ancora un po’ rigide per il freddo, ma questo è tutto. È stato molto speciale da provare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.