Svezia e Finlandia nella NATO?  “La Turchia vuole aumentare il più possibile la pressione”

Svezia e Finlandia nella NATO? “La Turchia vuole aumentare il più possibile la pressione”

Svezia e Finlandia nella NATO?  “La Turchia vuole aumentare il più possibile la pressione”

Era stato un punto di discussione alla NATO per settimane: l’adesione di Svezia e Finlandia. Tutti gli Stati membri hanno accettato tranne la Turchia. Il primo giorno del vertice della NATO a Madrid la scorsa settimana c’era finalmente un po’ di fumo bianco† I tre paesi hanno raggiunto un accordo che ha affrontato le preoccupazioni della Turchia.

Ad esempio, l’embargo sulle armi di Svezia e Finlandia contro la Turchia sarà revocato e ci sarà una maggiore cooperazione nella lotta al terrorismo. La Turchia vuole che Svezia e Finlandia riconoscano il movimento separatista curdo PKK come organizzazione terroristica. È uno dei più grandi nemici dello stato turco.

Estradare i sospetti

Il presidente Recep Tayyip Erdogan chiede l’estradizione dei “sospetti terroristi”. La Turchia chiede l’estradizione di 73 sospetti identificati da Ankara come terroristi. In precedenza, sono stati discussi 33 sospetti, quindi il numero sta crescendo rapidamente.

“Non c’è cifra nella dichiarazione congiunta. Dice che Svezia e Finlandia coopereranno con la Turchia, ad esempio per le estradizioni. Ma Finlandia e Svezia hanno subito sottolineato: le leggi svedesi e finlandesi rimangono in vigore. head”, afferma il giornalista politico Fons Lambie. La Turchia non ha quindi solide garanzie.

Questo potrebbe essere un motivo per cui il parlamento turco non firmerà il trattato di adesione di Svezia e Finlandia. “Il primo passo verso l’adesione alla Nato è stato fatto. Ora deve ancora essere ratificato dagli Stati membri, cioè ufficialmente ratificato. Ad esempio, tramite un voto in Parlamento. La Turchia può iniziare a rallentare lì”.

Attenzione all’agenda turca

È improbabile che la Turchia blocchi effettivamente l’adesione alla NATO nel suo insieme, secondo l’esperto turco Erik-Jan Zürcher. “La Turchia vede un’opportunità per fare pressione sull’Occidente. In questo modo possono prestare attenzione all’agenda turca, inclusa l’estradizione di sospetti terroristi”.

READ  La CIA, Biden, Arabia Saudita. Adesso Renzi è in guai seri - Tempo

“Finché il trattato non sarà ratificato, Erdogan ha un mezzo di pressione. È probabile che voglia avere più certezza che le persone saranno effettivamente estradate. Vuole aumentare il più possibile la pressione”, spiega Zürcher.

La situazione fa pensare alla crisi dei profughi†Anche allora Erdogan ebbe una grande influenza, che gli permise di raggiungere un accordo con l’Unione Europea. Ha fatto guadagnare miliardi alla Turchia. “Ma la Turchia non ha mai avuto una tale pressione contro la NATO. Ora ne trarranno vantaggio”.

È difficile prevedere quanto tempo impiegherà il parlamento turco a firmare il trattato. “I turchi hanno già portato alcune cose. Così viene presentato anche dai media turchi: ‘La Turchia è un attore importante nella Nato e altri Paesi non possono ignorarci’. già una vittoria per Erdogan”.

Garanzie di sicurezza

Teoricamente, quindi, la Turchia può rinviare per un po’ l’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO. “Ma ci sono già abbastanza paesi che hanno promesso garanzie di sicurezza a Finlandia e Svezia, compresi i Paesi Bassi”, afferma Lambie. E ci sono trattati europei su cui possono contare”.

La Turchia è un importante membro della NATO che non vuole perdere l’alleanza. “Dopo gli Stati Uniti, hanno l’esercito più numeroso”, afferma Zürcher. “E si trovano in un’area instabile, tra il Medio Oriente arabo ei paesi dell’ex Unione Sovietica. Senza la Turchia, la NATO non può davvero esercitare un’influenza lì. La Turchia lo sa. “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *