Svezia e Finlandia si avvicinano alla Nato, la Russia perde slancio | ADESSO

Una volta al giorno, NU.nl offre una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: è molto probabile che Finlandia e Svezia facciano domanda per l’adesione alla NATO a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. I governi di entrambi i paesi hanno dato il via libera a questo. L’intelligence britannica ha riferito che la Russia stava subendo pesanti perdite e perdendo slancio nell’Ucraina orientale.

Il presidente finlandese Sauli Niinistö e il primo ministro Sanna Marin hanno rilasciato una dichiarazione nella tarda mattinata di domenica conosciuto che sono favorevoli alla richiesta di adesione alla NATO.

Il parlamento finlandese deve ancora rivedere la decisione. Dopodiché, l’app è ufficiale. Tuttavia, questa sembra essere una formalità: anche il parlamento dovrebbe approvare la richiesta. Mercoledì dovrebbe essere richiesta l’adesione all’alleanza occidentale.

In Svezia è successa quasi la stessa cosa domenica. Il partito socialdemocratico al potere ha domenica luce verde concesso per una domanda di adesione alla NATO.

La Svezia, come la Finlandia, ha già indicato che si prepara ad aderire all’alleanza. In Svezia, il parlamento deve ancora votare. Si prevede inoltre che ciò non ostacolerà l’adesione.

La Russia vede l’allargamento della NATO come una minaccia alla propria sicurezza e ha avvertito Finlandia e Svezia di “gravi conseguenze militari e politiche”.

Una grande colonna di sfollati da Mariupol arriva a Zaporizhzhia

In Ucraina, domenica una grande colonna di sfollati da Mariupol, devastata e occupata dalla Russia, è arrivata a Zaporizhzhia. Secondo le autorità ucraine, sono coinvolti circa 500-1.000 veicoli. Questo la rende la più grande evacuazione da Mariupol dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

Dopo aver atteso tre giorni, il convoglio con i residenti della città portuale meridionale di Mariupol ha ricevuto sabato dai russi il permesso di recarsi nella città più nord-occidentale di Zaporizhzhia.

READ  Usa: sparatoria al liceo del Tennessee, lesioni multiple e un arresto

Mariupol è di importanza strategica per la Russia ed è stata in gran parte distrutta, tra l’altro, da pesanti bombardamenti. L’acciaieria Azovstal è l’ultimo baluardo della resistenza ucraina nella città portuale. Ci sono ancora gli ultimi soldati ucraini a resistere ai russi.

Attacco missilistico su una base vicino al confine con la Polonia

In un complesso militare a Javoriv, ​​Ucraina occidentale, quattro attacchi missilistici eseguito. Javoriv non è lontano dal confine con la Polonia.

Un comandante dell’aviazione ucraina aveva precedentemente riferito che missili erano stati lanciati dal Mar Nero nella regione di Leopoli. È stata la prima sirena del raid aereo nella zona per circa una settimana. La Russia non ha confermato gli attacchi al complesso di Javoriv. Secondo le prime informazioni, non ci sarebbero state vittime, ma danni materiali.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che durante la notte, da sabato a domenica, due posti di comando e quattro depositi di munizioni delle forze armate ucraine sono stati colpiti da attacchi aerei. Il ministero ha affermato che gli obiettivi erano nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale. Inoltre, 150 combattenti ucraini sarebbero stati “distrutti” dal fuoco dell’artiglieria. Fonti indipendenti non hanno confermato i rapporti russi.

La Russia perde slancio e un terzo delle truppe di terra è dispiegato in Ucraina

L’intelligence britannica riferisce questa domenica che la Russia sta perdendo un terzo delle sue forze di terra e del suo slancio in Ucraina. Il Cremlino di solito non commenta le perdite subite. Mosca una volta ha ammesso che “gravi perdite” erano state subite dall’inizio della guerra, ma questa dichiarazione risale all’inizio di aprile.

READ  Rutte visita i soldati: "Ora è grave" | Interno

Si dice che la Russia abbia inviato circa 150.000 soldati in Ucraina. Gli inglesi non riportano cifre precise sulle perdite da parte russa.

Negli ultimi giorni sono apparse più volte informazioni sulle pesanti perdite della Russia. Secondo quanto riferito, un’intera colonna corazzata russa con dozzine di carri armati è stata distrutta quando un ponte è esploso ei russi sono stati respinti al confine intorno alla megalopoli di Kharkiv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.