Svizzera, l’esercito abolisce l’obbligo di indossare biancheria intima lunga per le donne soldato

Al momento, a tutte le reclute viene data “biancheria intima da uomo ampia, spesso di taglie più grandi”, ha riferito la BBC. “L’abbigliamento è progettato per gli uomini, ma se i militari sono seriamente intenzionati a diventare più femminili, sono necessarie misure appropriate”, ha detto la membro del Congresso Marianne Binder. Il portavoce dell’esercito Kaj-Gunnar Sievert ha dichiarato al sito web svizzero Watson: “La vecchia generazione di uniformi non era sufficientemente adattata alle esigenze specifiche delle donne”. Per questo motivo, anche altri indumenti e accessori, inclusi indumenti da combattimento, zaini e giubbotti protettivi, sono stati rivisti “per le donne”. La “biancheria intima funzionale” per le reclute include la “biancheria intima corta” per l’estate e la “biancheria intima lunga” per l’inverno.

Le donne e gli uomini delle forze armate svizzere hanno le stesse funzioni dal 2004. Una soldatessa ha sottolineato che la biancheria intima “fa la differenza se devi strisciare a terra con 27 chilogrammi di peso sulle spalle o sederti tranquillamente. sedia da ufficio “. Anche il ministro della Difesa svizzero Viola Amherd ha accolto con favore la mossa, dicendo che la “compatibilità” deve essere migliorata. Le attuali uniformi dell’esercito svizzero furono introdotte per la prima volta a metà degli anni ’80, riferisce Swissinfo.

READ  Germania, assicurata alla giustizia la segretaria del campo di concentramento nazista polacco di Stutthof: ha 96 anni e vive in un ospizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *