Temperature anormalmente elevate ai poli nord e sud

Temperature anormalmente elevate ai poli nord e sud

È stato molto più caldo del normale negli ultimi giorni nell’Artico e in Antartide. Le stazioni meteorologiche in Antartide hanno registrato temperature record: in alcune aree, in questo periodo dell’anno, è stato di 40 gradi più caldo del normale. Parti dell’Artico erano 30 gradi più calde del normale.

Nella città antartica di Vostok, situata a quasi 3.500 metri sul livello del mare, la temperatura venerdì è stata insolitamente alta -17,7 gradi Celsius. Sulla costa, le temperature a 7 gradi erano ben al di sopra dello zero, riporta il Washington Post. Mentre l’estate nell’emisfero australe è quasi finita e le temperature in Antartide dovrebbero quindi scendere.

Le temperature sono state misurate intorno allo zero al Polo Nord la scorsa settimana. A fine inverno e all’inizio della primavera, le temperature sono normalmente molto più basse, intorno ai -25 gradi.

“Stagioni opposte”

È notevole che sia così caldo su entrambi i poli allo stesso tempo. “Queste sono stagioni opposte. Non vediamo mai il polo nord e il polo sud sciogliersi contemporaneamente”, ha detto lo scienziato americano del ghiaccio Walt Meier all’agenzia di stampa Associated Press. “È davvero eccezionale”, ha affermato anche il meteorologo di NOS Gerrit Hiemstra.

Le temperature estremamente elevate nell’Artico e nell’Antartico sono causate da aree di bassa pressione. Nell’Artico, un’area di bassa pressione vicino al Canada orientale e agli Stati Uniti spinge l’aria calda da sud a nord. E vicino all’Antartide c’è una serie di aree a bassa pressione che consentono all’aria calda di circolare su gran parte del continente.

Mai visto così poco ghiaccio marino

Il risultato delle alte temperature è che una quantità relativamente grande di ghiaccio si scioglie. Al Polo Nord, il ghiaccio si sta sciogliendo da febbraio, che normalmente non inizia fino a metà marzo.

READ  Non avevo ancora fretta, ma sarebbe stato troppo anche per il Dalai Lama

Dalla prima misurazione nel 1979, non c’è mai stata così poca banchisa in Antartide alla fine dell’estate nell’emisfero australe. Ora ci sono meno di 2 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio in tutto il continente. Gran parte del ghiaccio ricrescerà nei prossimi mesi quando l’autunno e l’inverno si trasformeranno in autunno e inverno nell’emisfero australe.

Gli scienziati non sono del tutto sicuri che le temperature anormalmente elevate siano dovute al cambiamento climatico. È più facile stabilire se queste alte temperature si verificano più spesso ai poli e quindi se c’è un andamento. “Ma non sarebbe successo senza il cambiamento climatico”, dice Hiemstra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *