Terroristi criminali della droga armati contro cittadini messicani | All’estero

Con armi pesanti, i criminali hanno sparato selvaggiamente nello spazio pubblico. In particolare sono stati attaccati i minimarket della catena nazionale Oxxo e i ristoranti. Le stazioni di servizio sono state date alle fiamme, così come Oxxos. Nella città di 1,5 milioni di persone di Ciudad Juárez, nello stato di Chihuahua, il terrore è iniziato giovedì con una rivolta nella prigione locale dove i membri del cartello di Sinaloa e del cartello di Juarez stanno combattendo per il controllo del carcere. Dopo che due persone sono state uccise all’interno delle mura, i membri del cartello armato hanno continuato le violenze fuori dalle mura della prigione. Per le strade della metropoli si sono rivolti contro la popolazione civile.

Nove civili ignari sono stati uccisi nel terrore di una banda nella città di confine. Due donne sono rimaste uccise nell’esplosione di una bottiglia molotov che era stata gettata in un minimarket Oxxo: una dipendente incinta e una donna di 18 anni che stava facendo domanda per un lavoro con lei. In un altro minimarket, un ragazzo di 12 anni è stato ucciso da proiettili sparati da armi automatiche. Quattro giornalisti di una stazione radiofonica sono morti quando una pizzeria è stata bersaglio di armi automatiche. Altrove, altri due civili sono stati uccisi quando le aziende sono state prese di mira e un camion è stato dato alle fiamme. Almeno 12 persone sono rimaste ferite. Per strada, i criminali hanno lasciato una testa umana.

terrorizzato

Un vicino di un minimarket in cui le due donne sono state uccise ha scritto in un’app di quartiere: “Sono terrorizzato. I criminali hanno camminato sul mio tetto e ho sentito degli spari. I miei cani abbaiavano, ma non osavo nemmeno guardare per paura. “Un messicano-americano ha detto al quotidiano La Jornada mentre accompagnava i suoi due figli a scuola a El Paso, in Texas, venerdì. La sua famiglia gli aveva consigliato di non venire in Messico. “Ma la mia famiglia vive qui. Tutto quello che posso fare è pregare Dio. Poiché la gente del posto non osava più uscire per le strade, Juárez sembrava trasformata in una città fantasma Venerdì pomeriggio, 600 soldati sono stati inviati da aereo per proteggere gli abitanti.

READ  regata iscrizioni, 2500 in volo per Baleari e Canarie - Corriere.it

Il giorno dopo le violenze a Juárez, i criminali della vicina Baja California hanno dato fuoco ad almeno 10 autobus urbani in quattro città: Tijuana, Ensenada, Mexicali e Tecate. Gli autobus sono stati fermati da uomini armati che hanno costretto a scendere gli autisti e i passeggeri. Poi hanno cosparso le lattine di benzina e le hanno dato fuoco. I criminali hanno anche eretto posti di blocco. Come a Ciudad Juárez il giorno prima, le strade di Tijuana sembravano deserte poiché i residenti stavano in casa per paura.

Il sindaco di Tijuana Montserrat Caballero Ramírez, un membro del partito al governo Morena, è stato pesantemente criticato dopo aver invitato i minimarket Oxxo a “pagare il conto” (leggi: protezione o derecho de piso) da versare alla criminalità organizzata affinché questa “bolletta” non finisca sui cittadini di Tijuana. “Questa signora Tijuana ‘inquietante’ è ritardata o pervertita?” ha chiesto un recensore su Twitter. Ha paragonato la sua posizione al modo in cui il partito del presidente López Obrador governa il Paese: “Sangue puro, morte e impunità”.

Lotta per la successione

L’ondata di violenze è iniziata martedì notte negli stati di Guanajuato e Jalisco. Le cose hanno preso fuoco lì dopo che i militari hanno scoperto un incontro tra due leader del cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG). Erano Ricardo Ruiz Velasco alias “el RR” e Juan González alias “El 03”. Il primo è impegnato con altri due in una battaglia per la successione del leader del CJNG Nemesio Oseguera (56), alias El Mencho. Sarebbe malato, quindi gli analisti vedono tre scenari: il suo imminente arresto, le sue dimissioni da leader del cartello o la sua morte imminente. Il 56enne leader del cartello è ancora latitante, ma non si vede in pubblico da anni. C’è una ricompensa di dieci milioni di dollari sulla sua testa

READ  Navalny si è trasferito in un luogo che rimane sconosciuto

Dopo la scoperta dell’incontro segreto a Ixtlahuacán, Jalisco ha seguito una notte di violenze nelle città di Guadalajara (Jalisco) e Celaya, Irapuato e Salamanca (Guanajuato). Oltre a molteplici sparatorie tra soldati e membri di bande, 40 auto sono state date alle fiamme, 14 posti di blocco eretti e 30 minimarket dati alle fiamme, di cui 25 Oxxos. Almeno tre civili sono stati uccisi, incluso un camionista che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dopo che i criminali lo hanno tirato fuori dal suo camion. Scuole chiuse il giorno successivo. Il ministro della Difesa Luis Cresencio Sandoval ha detto che 16 membri di una banda sono stati arrestati e decine di armi e bottiglie d’acqua sono state sequestrate. Non c’era nessun capobanda tra gli arrestati.

Secondo uno studio sul terrorismo dell’Università del Maryland, l’impero di El Mencho, che consiste principalmente di investimenti nel traffico di droga e nelle criptovalute, vale 20 miliardi di dollari. L’impero CJNG è paragonato nel quotidiano Milenio ad un piccolo Paese che, oltre ad avere enormi ricchezze finanziarie, governa un territorio considerevole dove ha l’appoggio della popolazione locale e dove applica le proprie regole con mano pesante. Ha anche la sua bandiera e le sue “canzoni di battaglia”. A Guanajuato e nello stato di Zacatecas, il CJNG sta tentando violentemente di cacciare il cartello di Sinaloa, aumentando le vittime civili.

pugno di ferro

Secondo gli analisti, la criminalità organizzata scuote il pugno nel terrore e vuole dimostrare di non essere attaccata. Le critiche alla politica di sicurezza del governo messicano sono in aumento. Il presidente Andrés Manuel López Obradors (AMLO) politica di abbracci senza abbracci (abbracci invece di proiettili) è, secondo i critici, una tigre di carta e non pone fine alla violenza. Anche il recente piano di AMLO di integrare la Guardia Nacional, la polizia civile nazionale, nell’esercito è stato accolto male dall’opposizione e da altri critici. L’accusa è che AMLO sta militarizzando il Messico. Durante la sua campagna elettorale, ha promesso di riportare tutti i soldati nelle loro caserme. La Guardia Nacional ha sostituito la Polizia Federale nel 2019 ed è composta da ex agenti di Polizia Federale e Militare. Se il presidente avrà successo, la Guardia Nazionale passerà ora al Dipartimento della Difesa. D’ora in poi, l’organizzazione di polizia ricade sotto il Ministero della Sicurezza e della Protezione Civile.

READ  L'agenzia di stampa statale russa celebra erroneamente la vittoria sull'Ucraina

Esperti di sicurezza hanno avvertito sabato sul quotidiano El Universal che la criminalità organizzata potrebbe in futuro estendere le sue azioni terroristiche a settori strategici del governo federale. Secondo loro, nessun settore è fuori dalla portata dei criminali. Chiedono alle autorità di prepararsi e di sviluppare una strategia di sicurezza per le aziende pubbliche essenziali come CFE (elettricità), Pemex (petrolio), Conagua (acqua potabile) e per aeroporti, stazioni degli autobus e centrali telefoniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.