Hien The vuole andare all’Europeo con la “sua” Ucraina: “una motivazione più forte che mai”

Con la guerra ancora in corso in Ucraina, le ragazze della nazionale si stanno preparando per il torneo di qualificazione agli Europei della prossima estate a Mönchengladbach, in Germania. Nella capitale lituana Vilnius, l’Ucraina gareggerà questa settimana con il paese ospitante e l’Italia per un biglietto. “Andare in Ucraina dà alle ragazze una spinta in più. La motivazione è più forte che mai”, ha detto l’assistente tecnico della nazionale Hien The.

“E’ un gruppo pazzesco. Inizialmente parteciperebbero anche Bielorussia e Russia, ma questi paesi sono esclusi dalla partecipazione. Poi Gibilterra si arrese e rimasero solo Lituania e Italia.

Giovedì l’Ucraina affronterà l’Italia e il giorno successivo la Lituania. Sabato l’ultima partita tra i numeri uno e due del girone. Il vincitore va all’Europeo.

“Sarebbe una delusione se perdessimo contro la Lituania. Dobbiamo battere la Lituania e poi la finale contro l’Italia. Normalmente va meglio la squadra italiana. Comunque, quando giochi una finale, l’obiettivo è anche vincerla. In ogni caso, dobbiamo assicurarci di fare il meglio possibile”, afferma The sulle possibilità dell’Ucraina. De Amersfoorter è stato coinvolto nella squadra nazionale femminile e nel massimo club ucraino Sumchanka per cinque anni.

Ricompensa

Un biglietto per l’Europeo in Germania sarebbe una ricompensa per la volontà e la perseveranza della squadra femminile ucraina. La vita dei giocatori e dello staff è completamente cambiata dall’oggi al domani dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio di quest’anno.

Foto: Hien Gli archivi privati

All’inizio di marzo abbiamo parlato con The della situazione. Ha condiviso messaggi strazianti dal gruppo WhatsApp della nazionale. Ad esempio, il fisioterapista/istruttore fisico Yevhen Bondarenko ha detto di avere una mitragliatrice per difendere la sua città e il suo paese e Zhenya Moroz, una delle internazionali e capitano di Sumchanka, l’ha informata che doveva calcolare la quantità di cibo e acqua di cui aveva bisogno per il giorno dopo.

READ  L'Ajax 'risvegliato sotto shock' dall'interesse italiano per Wijndal

“L’anno scorso abbiamo condiviso le foto delle vacanze e ora le nostre vite sono così diverse”, afferma The. “La mia vita è stata dominata dalla guerra per cinque o sei settimane, ma ora è passata in secondo piano. Potrebbe essere esagerato dire che mi sento in colpa per questo, ma ovviamente per loro è diverso. È difficile mentalmente. La guerra dorme. Hanno nostalgia di casa e sentono la mancanza delle loro famiglie.

Conversazioni

“Discuto con chi vuole. Sono un outsider e non mi spingerò attivamente, ma continuo a chiedere. Lo paragono a un tennista seduto da solo nella sua stanza d’albergo tutto l’anno. Solo la guerra gioca un ruolo anche per loro.

La maggior parte dei giocatori vive a Sumy, la casa della nazionale, una cittadina nel nord dell’Ucraina a circa 40 chilometri dal confine con la Russia. Nonostante la terribile situazione, tutti sono riusciti a trovare un rifugio sicuro. Di conseguenza, l’attenzione si è spostata lentamente sull’hockey.

Foto: Hien Gli archivi privati

Nel loro paese la competizione è stata interrotta a causa della guerra, ma per Sumchanka, di cui molti giocatori giocano anche in nazionale, ad aprile era in programma in Italia l’EuroHockey Club Trophy. Con un quinto posto, la squadra è rimasta al secondo livello dei club europei. I giocatori sono rimasti in Italia per due mesi durante il torneo, poi un altro mese e mezzo in Germania.

La squadra è stata supportata in vari modi, tra cui Italia, Germania e Belgio. “Denaro e risorse sono stati messi a disposizione ed è stato fatto molto per accogliere il gruppo in modo che potesse essere coinvolto nell’hockey. Si sono allenati molto durante quel periodo e hanno giocato partite di allenamento”, afferma The.

READ  Luca Argentero di nuovo a contatto con i medici: ecco cosa sta succedendo - il democristiano

Futuro

È ancora un grande punto interrogativo per lui su come sarà il programma femminile dell’Ucraina dopo il torneo di qualificazione agli Europei di Vilnius. “Sono stati aiutati enormemente, ma prima o poi si fermerà. È anche molto fastidioso continuare ad allungare la mano, soprattutto se non ci sei abituato. Prima potevano sempre tirarsi su i pantaloni.

Le: ‘Sono all’estero da più di sei mesi. Quanto rimarrai? Devi continuare a costruire il tuo futuro, ma la guerra è ancora lì. È una situazione difficile.

Rimarranno impegnati con la nazionale e con Sumchanka. Il piacere è la mia motivazione. L’ho iniziato perché mi piaceva. Ho pensato: lo farò per un anno, ma è già il mio quinto anno. A patto di poterlo inserire nel mio lavoro, aggiungerò un sesto anno. Mi piace fare questo e far parte di questo gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.