The Batman – recensione film: opera emo jet black

The Batman – recensione film: opera emo jet black

Batman assume varie forme sul grande schermo. Da un mega blockbuster gotico a un film d’azione ultra-serio e semi-realistico; da uno scherzo slapstick a un controverso megaflop che ha avuto una seconda possibilità. E lo stesso Batman? Ha avuto iterazioni ancora più diverse nel corso degli anni rispetto a Dracula, Sherlock Holmes e Jesus. Abbiamo visto il Cavaliere Oscuro come un omicidio di massa e Martha che borbottava Ben Affleck; come il roco ed emotivamente sfidato Christian Bale; e non abbiamo dimenticato il tentativo di George Clooney di distruggere il franchise.

Tra tutte queste diverse versioni – di cui so davvero poco dei tanti cartoni animati – c’è ancora spazio per ricominciare da capo con Batman? È rimasta un’iterazione, un angolo che non è stato ancora esplorato? Il regista Matt Reeves (Cloverfield, Let Me In, Dawn of the e War for the Planet of the Apes) ha sicuramente visto un buco a forma di pipistrello attraverso il quale poteva saltare. Dopo aver passato tre ore in questo buco nero, non c’è modo che io possa definire ridondante questo nuovo film di Batman.

The Batman si trova da qualche parte tra la trilogia seria e cruda di Nolan e i blockbuster gotici per metà commedia di Burton. Il film fa poco di irreale o soprannaturale, ma è un film poliziesco abbastanza serio in cui due mostri in costume guidano la trama. Sembra una forte continuazione dello stile unico di Joker (2019), con una Gotham City altrettanto oscura e un’inclinazione psicologica simile. Allo stesso tempo, The Batman è molto più oscuro, con ambientazioni che sembrano uscite direttamente dal castello di Dracula e una colonna sonora malinconica che taglia fino all’osso.

READ  La triste verità per Monique: André Hazes è tornato a casa da solo dopo una vacanza in famiglia

The Batman è un investigatore noir di tre ore con un Robert Pattinson travestito come il fulcro irritato. È un film abbastanza pesante che rasenta la mancanza di umorismo. Tali scelte di stile si sono rivelate infruttuose in alcuni film di Zack Snyder non divulgati. Ma Matt Reeves sa come affrontarlo molto meglio secondo me, perché non ho mai sentito per un momento che ci fosse uno scollamento tra la credibilità degli eventi e il comportamento dei personaggi. The Batman è intrinsecamente oscuro, ma riesce a portare a termine questa scelta di stile in ogni modo possibile: nel suono, nell’immagine, nella recitazione e persino nell’azione.

Come accennato, The Batman si qualifica quasi come un dramma poliziesco, in un modo classico e vecchio stile. Potrebbe sembrare strano confrontare questo film della DC Comics con qualcosa come Il Padrino, Chinatown o Taxi Driver, ma è chiaro che Reeves ha tratto ispirazione da quei film polizieschi degli anni ’70 pieni di personaggi moralmente discutibili, inclusi poliziotti corrotti e altri agenti delle forze dell’ordine. , che sono quasi indistinguibili dai gangster. Dubitaresti quasi della morale di Jim Gordon e dello stesso Batman, perché è difficile rimanere una brava persona in questo mondo incredibilmente oscuro.

Come si addice a un film poliziesco ispirato al genere degli anni ’70, anche il cast di Batman è composto principalmente da uomini tossici, con le donne che servono principalmente come piacere per gli occhi e damigelle in pericolo† Questo rende Zoë Kravitz particolarmente degna di nota, dato che sicuramente è Selina Kyle, un’antieroina amante dei gatti e ruba soldi. Lei è Catwoman, anche se (come nel film di Nolan) non viene mai chiamata così. Kravitz è simile alla versione di Catwoman di Michelle Pfeiffer, ma con molta meno autoironia, lasciando Anne Hathaway a mordere la polvere secondo me. Penso che sia esattamente quello che dovrebbe essere questo personaggio: un ladro di gatti indipendente e audace, che nonostante – o per questo – il suo programma tutt’altro che onorevole è irresistibile per Batman. Quindi lei è l’interesse romantico del Crociato Incappucciato, non di Bruce Wayne.

READ  La banana di un'opera d'arte famosa in tutto il mondo viene mangiata di nuovo, questa volta da uno studente "affamato" | Strano

Parlando di Bruce Wayne, Robert Pattinson è di gran lunga la versione più emo del figlio di questo milionario fino ad oggi. Si presenta sempre come completamente annoiato, anche quando indossa un costume per tenere il passo con l’élite di Gotham. Gli angoli della sua bocca non sembrano puntare da nessuna parte tranne che nel profondo sud. Questa disposizione depressiva è accentuata dall’ombretto nero imbrattato rimasto dalle sue avventure notturne come “Vengeance”. Bene, quella recitazione oscura si adatta perfettamente a Pattinson, quindi mi mancava a malapena il playboy Bruce Wayne. Le poche conversazioni emotive con Alfred (interpretato da Andy Serkis) sono più che sufficienti per cementare la personalità di questo alter ego.

Bruce è quindi subordinato a Batman in questa iterazione, ma capisci subito il perché quando vedi Pattinson in costume da pipistrello. Batpatt emette una minaccia calma e intensa, rendendolo probabilmente il Batman più intimidatorio di sempre. Dice qualcosa solo quando è assolutamente necessario, e quando parla sussurra un po’, il che è un sollievo dopo il sussulto roco di Bale. Tranne i momenti più tardi nel film, quando il Cavaliere Oscuro è in guai seri, The Batman sembra avere il controllo completo di ogni situazione, anche in mezzo a poche dozzine di poliziotti che sono fin troppo felici di togliersi la maschera. . Questo Batman non è un burlone, un eroe d’azione o un Superman Slayer, no, è il detective più grande e tosto del mondo.

Nonostante The Batman sia l’ennesima versione cinematografica de Il difensore di Gotham, è un film originale molto sorprendente. Dal primo minuto, Matt Reeves cerca di ingannarti e fino alla fine, non sai mai cosa aspettarti. Non è un blockbuster prevedibile che ti lancia così tanta azione e brivido sulla base di tre atti chiaramente definiti. No, questo film arriva nei momenti più folli con una nuova svolta, un inaspettato effetto valanga.

READ  Il padre di Rogier Smit non è il suo padre biologico, ma: l'ex Frank lo mette in dubbio

Questa nuova trama è animata dai ruoli molto seri ma speciali di Jeffrey Wright nei panni di Jim Gordon, Colin Farrell – che ricorda Robert De Niro nei suoi anni migliori grazie a uno strato di protesi – e un geniale Paul Dano… che farei meglio se poche cose possono dire. Ma anche l’opera spietata di Michele Giacchino colonna sonora è essenziale per la potenza di questo film le cui variazioni su Avé Maria e Qualcosa di strano dai Nirvana ti tengono un po’ a disagio sul bordo del tuo posto al cinema per tre ore. No, questa versione di Batman non è affatto superflua. In effetti, la versione di Matt Reeves è, secondo me, la più interessante dai tempi di Batman: The Animated Series. Mi ero quasi dimenticato di Batfleck…

The Batman uscirà nei cinema il 3 marzo 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *