Thomas Müller saluta la nazionale tedesca dopo la “catastrofe assoluta” della Coppa del Mondo | Coppa del mondo di calcio

Thomas Müller sembra aver giocato la sua ultima partita con la nazionale tedesca giovedì. Il 33enne attaccante ha annunciato il suo ritiro dopo il drammatica ritirata ai Mondiali in Qatar. L’allenatore della nazionale Hansi Flick vede ancora un futuro per sé.

“Se questa è stata la mia ultima partita, voglio dire qualcosa a tutti i nostri tifosi che mi hanno sostenuto per anni”, ha detto Müller, profondamente deluso, mentre si dirigeva dritto verso il ARDla telecamera ha guardato. “Ho sempre cercato di dare il massimo in campo. Mi sono davvero divertito e ci siamo divertiti moltissimo. L’ho fatto con amore. Grazie mille per questo”.

Poco prima, la Germania era stata clamorosamente eliminata dai Mondiali. La squadra di Flick ha vinto 2-4 contro il Costa Rica, ma è stato inutile a causa delle sorprese Vittoria giapponese sulla Spagna. Ad esempio, la seconda fase a gironi consecutiva della Coppa del Mondo è stata l’ultima stazione per la Germania.

Müller era lì nel 2014 quando la Germania è diventata campione del mondo in Brasile. L’attuale Coppa del Mondo in Qatar è iniziata in modo spettacolare con una sconfitta per 1-2 contro il Giappone, che alla fine si è rivelata fatale per i tedeschi. Müller, 120 volte nazionale, che ha ancora un contratto con il suo club, il Bayern Monaco, fino alla metà del 2024, ha definito il torneo “un disastro assoluto”.

L’allenatore della nazionale Flick non vuole avere niente a che fare con la nazionale tedesca. “Mi piace ancora molto il mio lavoro”, ha detto dopo la partita contro il Costa Rica. “Per quanto mi riguarda, andrò avanti per un po’.”

READ  Juve e contatti con Icardi: in attesa di Ronaldo e Mbappé | Prima pagina

Nel 2024, il Campionato Europeo si svolgerà in Germania. “Non vedo l’ora”, ha detto Flick. “Ovviamente siamo molto delusi, ma non dimentichiamo che abbiamo ancora tanti bravi calciatori”.

“E c’è molto talento in Germania. Cominciamo elaborando questa delusione. Prima abbiamo perso contro il Giappone perché abbiamo giocato male per venti minuti. Ecco perché siamo assenti. A parte questo, abbiamo fatto bene”.

Flick è alla guida della Germania dal 2021. Succede a Joachim Löw, che ha avuto “die Mannschaft” sotto la sua ala protettrice per non meno di quindici anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *