La capsula di Orione inizia il suo viaggio di ritorno verso la Terra stanotte

Perso nella traduzione. Se guardi l’articolo originale collegato a:

I propulsori sono stati in grado di bruciare per 95 secondi invece dei soliti 17 secondi o meno

Non esiste un “normale” tempo di combustione. Durante questa missione, questi particolari missili non hanno mai bruciato per più di 17 secondi.

Ad esempio, la NASA vuole sapere in che modo l’apertura e la chiusura di una particolare valvola influisce su alcune parti del veicolo spaziale.

Non è davvero possibile! “una” valvola, “influenza”, “alcune parti”…. Dall’articolo originale, si può vedere che si tratta di una valvola del sistema di controllo della pressione, in cui apparentemente è stata rilevata una piccola perdita. Aprendo e chiudendo questa valvola, vogliono vedere se questa perdita diminuisce.

e se il veicolo spaziale può librarsi su una traiettoria libera più vicina

L’articolo originale mostra che questa è una modalità di controllo dell’assetto in cui invece di controllare circa sei assi, l’orientamento viene controllato su tre assi.

Pochi giorni dopo, è stato annunciato che la capsula aveva percorso più di 432.210 km nello spazio dal suo lancio.

E questo era sbagliato anche in un articolo di qualche giorno fa su Artemis I: la navicella non ha percorso 432.210 km. È la distanza tra la Terra e Orione, in linea retta. La distanza totale percorsa è irrilevante a meno che non indichi chiaramente quale sistema di riferimento stai utilizzando.

READ  Djokovic: in corso l'udienza, la Corte prevede di finire "a pranzo" - sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *