Torna indietro, sbrigati. Ma dove andare? – Paul B. Preciado

21 settembre 2020 13:05

Ritorno. Sbrigati, torna indietro. Ma dove andare? Torna, torna ai tuoi posti. Nessuno ti porti via la cattedra che hai lasciato vuota nelle tue istituzioni, uffici, imprese, start-up e scuole. E se un genio del male lasciasse intatta la tua sedia e fossi tu a lasciare istituzioni, uffici, aziende, start-up e scuole? Dove torneresti? Non importa. L’importante è tornare indietro, trovare la sedia, sedersi e tornare al proprio posto. Sedie e sedie allineate, occupate, a un metro e mezzo di distanza, che fluttuano nell’aria.

Ritorno. Sbrigati a tornare. Lascia che i commercianti posizionino i nuovi prodotti autunnali sugli scaffali. Lascia che si sbrighino. Non si sa mai che covid-19 tornerà e porterà via le loro vendite. La mancanza è gestita e organizzata scrupolosamente nella produzione sociale. La produzione non è mai organizzata secondo una mancanza reale, è la mancanza che si è diffusa ovunque secondo l’organizzazione del lavoro. Quindi torna, presto, torna al lavoro, torna indietro e prendi la lettera di licenziamento, la tua parte della mancanza. Corri al tuo posto di lavoro prima che se ne vada, affrettati a contrarre un prestito per aumentare il tuo debito.

Torni indietro, ma tornerai solo per rendersi conto che ciò che hai trovato con così tanto impegno non ha più senso

Torna, torna presto dalle tue vacanze a meno di cento chilometri da casa tua, corri a casa con la maschera appesa al polso, come un braccialetto che disperde il virus. Ti sarebbe piaciuto andare su un’isola deserta in mezzo al mare, in lontananza, in un luogo dove né Lampedusa né Calais sono visibili. Invece, sei stato costretto a rimanere in Normandia. E ora la Normandia sembra più lontana da Parigi che mai. Torna nelle tue città, torna al loro inquinamento e rumore, prima che i tuoi polmoni e le tue orecchie si abituino alla sinfonia campestre. Entra nel labirinto della metropolitana. Inizia a organizzare riunioni infinite.

READ  così hanno condannato a morte Kelly

Vecchie vite
Ciò che è “presente” è diventato più virtuale che virtuale. Torna a intervistare i funzionari. Torna in linea al centro per l’impiego. Colleziona i tuoi televisori. Torna indietro con le narici spalancate, in modo che una figura umana nascosta dietro uno scudo igienico possa mettere un bastoncino all’interno e strofinare il bordo del cervello. Con un po ‘di fortuna, sarai negativo e sopravviverai. Lascia che i tuoi figli, piccoli corpi con una sostanziale immunità, tornino nelle scuole dove nulla di ciò che imparano li salverà dall’ecocidio commesso dagli adulti.

Torna presto, torna alle tue vecchie vite. Torna agli abusi della polizia ben misurati. Uccidi chi arriva al confine senza scarpe. Lasciali annegare nel mare, respingili. Batterli, mettere le ginocchia al petto, bloccare i lavoratori arabi e neri nei macelli, letteralmente e figurativamente. Nel frattempo, in centro città, proteggi i bianchi dal virus. Sicurezza sociale per te, rischio socializzazione per loro. Per te la rinascita economica e la democrazia neoliberista, per loro la rinascita delle politiche di sicurezza. Torna alla tua tradizione fascista. Sì, ti parlo francese. Ne hai uno anche tu. Che tornino i führer. Che tornano dalla loro vacanza sulle isole deserte, lontane Lesbo e Lampedusa: Trump, Bolsonaro, Erdoğan, Duda, Orbán, Poutine e Lukašenko, mentre Novichok prende l’anima di Alexei Navalny e la prigione finisce per mangiare il corpo di Ebru Timtik. E mentre riportiamo là anche Sarkozy. Che torni anche Cecilia … scusa, volevo dire Carla. Riporta la sua chitarra e anche la sua voce morbida e crudele.

Non vale la pena affrettarsi
Torni indietro, ma tornerai solo per scoprire che ciò che hai trovato con così tanto impegno non ha più senso. Non puoi tornare alla vita normale, perché quella che chiamavi “vita normale” non può esistere durante un cambio di paradigma, perché anche se le cose sembrano ancora le stesse, non lo sono. Anche le parole che sembrano pronunciate nello stesso modo hanno cambiato significato. Il problema è che nessuno sa quale sarà il nuovo significato. Deciderà un algoritmo? Sarà annunciato su Instagram? O sarà oggetto di decreto? Tornerai con le tue valigie piene di parole e cose, solo per accorgerti che non hai le definizioni giuste.

READ  Covid: Iran, 192 città in allerta - Ultima ora
La pubblicità

No. La verità è che non vale la pena affrettarsi. non si torna indietro. Sarebbe come pensare di poter tornare a un ponte epistemologico appena crollato. Il mondo che ci siamo lasciati alle spalle, questo groviglio di segni incorporati che credi come se fossero reali, è sparito. Le linee che separano segni sensibili e comprensibili sono cambiate. Non puoi tornare indietro. La deriva del migrante verso il nulla è un modello politico migliore di quello del cittadino europeo o nordamericano che vuole semplicemente tornare a casa. Il terrore e il desiderio che spingono all’esilio sono più vicini alla mutazione necessaria per affrontare il tunnel in cui siamo entrati collettivamente.

Stiamo migrando di nuovo verso il nulla, dove non c’è più un Buon Pastore o uno Stato nazionale ad accoglierci. È giunto il momento di spingerci oltre, di non tornare indietro, di scalare la montagna, di lasciare gli dei del capitalismo nelle città, di partire senza padre né madre, senza natura, con i vivi e i morti. Credi davvero che l’istituzione, lo stato nazionale, l’industria petrolchimica e farmaceutica oi giganti dell’IT possano offrirci qualcosa di meglio? La risposta è ovvia. Non tornare.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Questo articolo è apparso sul quotidiano francese pubblicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *