Tre vittime indigene di un prete pedofilo fanno causa a papa Francesco. E chiedono un risarcimento alla Chiesa

Nuovo scandalo di pedofilia in Australia. Papa francesco, l’arcivescovo di Melbourne, Mio Signore Peter Andrew Comensoli, e la sua arcidiocesi è stata citata in giudizio prima del Corte Suprema di Victoria State. Tre uomini li hanno denunciati aborigeni che affermano di aver subito abusi sessuali da figli di un padre Michael glennon. Secondo l’accusa, il Vaticano sarebbe stato a conoscenza dei crimini di pedofilia commesso dal sacerdote australiano ma avrebbe preso no misurato dopo la sua condanna a due anni di reclusione, avvenuta nel 1978, per abusi e violenze sessuali contro quindici minori. I tre presunti vittime, che hanno chiesto l’anonimato, dicono di aver subito gravi ripercussioni dopo gli abusi: sono diventati droghe e sono rimasti senza casa E senza lavoro. Per questo motivo, hanno chiesto un risarcimento sostanziale ai leader del Chiesa cattolica, entrambi in Australia quello in Vaticano. L’avvocato dei tre uomini, Angela Sdrinis, ha detto che si aspettava rappresentanti del Santa Sede nel Australia accettare la notifica del mandato per conto di Bergoglio. “Questo è – ha spiegato l’avvocato – per garantire che il Papà e il Vaticano accetta il loro responsabilità. Che scusa possono trovare per non ridurre un padre Glennon nello Stato laico? L’avvocato ha anche ricordato che dopo la condanna l’Arcidiocesi di Melbourne il sacerdote sospese, ripetendo però che solo il Vaticano avrebbe potuto ridurlo a uno stato laico. Cosa non è successo.

Non è la prima volta che l’Arcidiocesi di Melbourne deve affrontare un caso di pedofilia. Cardinale George Pell, Prefetto emerito della Segreteria per l’Economia, era stato accusato di aver abusato sessualmente di due ragazzi, all’età di 12 e 13 anni, del coro della cattedrale di San Patrizio una Melbourne quando, nel 1996, era vescovo ausiliare di questa arcidiocesi. Condannato a sei anni di reclusione in primo e secondo grado, dopo tredici mesi di isolamento in carcere l ‘Corte suprema australiana lo ha assolto all’unanimità. Una storia che aveva scosso non solo l’Arcidiocesi di Melbourne e quello in Sydney, avevano avuto Pell in testa, ma anche il Vaticano perché, con l’elezione di Bergoglio, il cardinale è diventato prima membro del Consiglio dei cardinali che aiuta il Papa a riforma della Curia Romana e del governo di Chiesa poi prefetto della Segreteria per l’Economia.

READ  Iran-Usa, Pompeo: "Tornano in vigore le sanzioni Onu". E minaccia di punire chi non li rispetta

Dopo l’assoluzione, Pell ha sottolineato che “il mio processo non era un referendum Chiesa cattolica, nato a referendum su come le autorità di Chiesa nel Australia si sono confrontati con il crimine di pedofilia nella Chiesa. La domanda era se avessi commesso questi terribili crimini e non lo feci. E ha aggiunto: “L’unica base per il guarigione a lungo andare, è la verità e l’unica base della giustizia è la verità, perché giustizia significa verità per tutti ”. Parole in perfetta sintonia con quelle di Francesco che, chiudendo il vertice mondiale pedofilia del clero convocato in Vaticano nel febbraio 2019, ha dichiarato: “Se nel Chiesa è stato rilevato anche un caso di abuso, che di per sé rappresenta a mostruosità, questo caso verrà trattato con l’estensione la massima serietà “. Affermazioni seguite da misure storiche, Compreso l’abolizione di segreto papale per i casi di pedofilia.

Twitter: @FrancescoGrana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *