Trump ha fatto pressioni sui funzionari: “Non c’erano voci da trovare”

Il quarto giorno delle udienze sull’assalto al Campidoglio, alti funzionari elettorali hanno spiegato come sono stati messi sotto pressione dall’ex presidente Trump prima del 6 gennaio 2021. I funzionari hanno avuto il compito di contare i voti negli stati dell’Arizona e della Georgia nel 2020, dove è andata la vittoria a Biden con uno stretto margine.

Trump e il suo team di avvocati hanno cercato di convincere i funzionari che era stata commessa una frode. Le prove non sono mai state fornite e i giudici hanno respinto tutte le obiezioni sollevate da Trump e dal suo team.

La pressione di Trump è stata più forte nello stato della Georgia. Biden ha vinto lì con un margine di voto relativamente ristretto, quindi Trump, in una toccante telefonata di 67 minuti, ha chiesto al massimo funzionario elettorale della Georgia di “trovare 11.780 voti”.

Nessuna voce da trovare

“Non ci sono stati voti perché avevamo già fatto due riconteggi e Trump ha fallito su ogni conteggio”, ha detto Brad Raffensperger, lui stesso un repubblicano. Dice che lui e il suo team hanno indagato a fondo su tutte le accuse, ma Trump non era disposto ad accettarlo. Seguirono minacce.

Nella registrazione della conversazione telefonica rilasciata durante l’interrogatorio di questo pomeriggio, si sente Trump dire che Raffensperger è a grande rischio. Questa disonestà e incompetenza ha impedito loro di trovare il numero necessario di voti. Se Raffensperger insiste che non c’è stato alcun crimine, Trump dice che è una cosa molto pericolosa da dire.

Convinci la famiglia

Il collega di Raffensperger, Gabe Sterling, ha affermato quanto sia stato difficile confutare le false affermazioni di Trump. Che le persone dicessero di credere “con il cuore” che fosse stata commessa una frode, a prescindere dai fatti. Sterling ha detto che non è stato in grado di convincere nemmeno chi gli è vicino che i risultati elettorali erano equi.

READ  8 giovani trovati morti per soffocamento alla festa di Capodanno

Tra i testimoni c’era anche il leader repubblicano della Camera dei rappresentanti dello stato dell’Arizona, Russell Bowers. In una dichiarazione commovente, ha detto che Trump e il suo team hanno ripetutamente fatto pressioni su di lui per ribaltare la sconfitta elettorale di Trump in Arizona. Non gli è stata fornita alcuna prova di frode.

È stato anche incaricato di nominare falsi voti elettorali per votare per Trump. Ha rifiutato.

20.000 email

Bowers è quindi sotto grande pressione. Il suo ufficio ha ricevuto almeno 20.000 e-mail, messaggi vocali e messaggi di testo contenenti minacce, comprese minacce di morte.

“Ha invaso il nostro ufficio e non potevamo lavorare, per non parlare di comunicare”, ha detto. Ha detto che le molestie sono continuate dopo. Ci sono state proteste a casa sua e altre minacce. Hanno anche continuato quando sua figlia era molto malata. Un uomo con una pistola ha minacciato verbalmente un vicino.

“È stato terribile, è stato terribile”, ha detto Bowers al comitato. Ha detto di aver fatto una campagna per Trump e di volerlo anche rieleggere.

personale delle urne

L’udienza si è conclusa oggi con la commovente testimonianza di due sondaggisti, una madre e sua figlia, che hanno affermato di essere state distrutte da Trump e dai suoi avvocati. Dopo le elezioni, sono stati accusati di appropriazione indebita di schede elettorali.

Secondo Wandrea “Shaye” Moss, la sua vita non è stata più la stessa da allora e non osa più uscire. Dal peso delle parole del Presidente degli Stati Uniti. Sua madre dovette fuggire da casa quando si avvicinava il 6 gennaio perché, secondo l’FBI, la sua vita era in pericolo.

READ  Il parlamento polacco approva una legge molto controversa che smantella la camera disciplinare | ADESSO

Nessuno dei lavoratori del seggio elettorale in cui si sono offerti volontari è tornato da allora per paura che potesse succedere loro lo stesso. Secondo la commissione, ad esempio, c’è sempre un pericolo per il processo democratico a causa delle intimidazioni.

“Il sistema ha retto, ma a malapena”, ha concluso il membro del comitato Adam Schiff. “La domanda è se reggerà la prossima volta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.