Trump ha posto il veto alla legge sulla spesa per la difesa, che è già stata approvata a larga maggioranza dal Congresso

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump veto sul disegno di legge contenente le spese annuali per la difesa, già approvato in entrambe le camere del Congresso a larghissima maggioranza. Poiché il disegno di legge ha avuto l’approvazione di Democratici e Repubblicani, è molto probabile che il Congresso approverà nuovamente lo stesso testo con una maggioranza di almeno due terzi, cioè necessario per superare veto il presidente e costringerlo a firmare. testo della legge.

Se questo scenario si verificasse, sarebbe la prima volta che il veto di Trump viene revocato dal Congresso. Se il Congresso non riesce a revocare il veto, sarebbe la prima volta in 60 anni che il National Defense Authorization Act non riesce a diventare legge.

Trump aveva precedentemente minacciato di non firmare il testo se il Congresso non avesse introdotto alcuni cambiamenti. Nel messaggio con cui ha comunicato il veto, Trump ha scritto che il disegno di legge “non rispetta i nostri veterani e la nostra storia militare”, probabilmente in riferimento alle indicazioni date dal Dipartimento della Difesa di cambiare i nomi delle strutture. personale militare che commemora i leader confederati; Trump ha accusato la legge di essere un “dono alla Cina e alla Russia” e di voler limitare la sua capacità di presidente di ridurre il numero di truppe statunitensi all’estero; si è anche opposto alla decisione del Congresso di non abrogare una legge che garantisce una protezione speciale alle società tecnologiche che Trump ha accusato di essere contro di lui e contro i Tory.

Secondo New York Times, “Il veto è l’ultimo segno che Trump, nelle sue ultime settimane da presidente, è pronto a sfidare i parlamentari del suo stesso partito, costringendoli a scegliere tra lealtà a lui e lealtà ai loro leader al Congresso; e, in alcuni casi, lealtà ai propri ideali ”.

READ  Migranti, ci ha provato anche il ministro Lamorgese con Matteo Salvini - Il Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *