UMC Amsterdam critica il canale juice per la condivisione di dati medici

PAPÀ

Notizie ONS

UMC Amsterdam non è contenta di una chiamata della vlogger di succhi Yvonne Coldeweijer. Ieri sera ha chiesto alle “spie di VUmc” di condividere informazioni sullo stato di salute del giornalista reale Marc van der Linden. Secondo un portavoce, i dipendenti dell’ospedale sono indignati per aver rilasciato questo tipo di informazioni da una cartella clinica. “Non si addice alla professione, hanno il loro segreto medico”.

Van der Linden è finito in ospedale la scorsa settimana dopo aver subito un infarto cerebrale. Ieri sera ha condiviso un video su Instagram in cui ha fornito un aggiornamento sulla sua guarigione. Coldeweijer ha poi fatto la sua richiesta sulla stessa piattaforma, “perché mi piacerebbe molto chiedere qualcosa al riguardo”.

Dopo una furiosa reazione di Van der Linden, Coldeweijer ha detto che voleva sapere come si è procurato l’occhio nero. Ha anche detto di aver sentito prima da “spie di VUmc” che il giornalista della famiglia reale era caduto perdutamente per un punto.

atto criminale

L’ospedale ha dichiarato in una risposta su Twitter che la privacy dei pazienti è “di grande importanza”. “Presumiamo che i nostri dipendenti non condividano mai informazioni con altri a causa della riservatezza medica”.

Coldeweijer scrive oggi in una risposta su Instagram che l’ospedale ha bisogno di una “lezione di comprensione della lettura” poiché non ha usato la parola personale nel suo post di ieri sera. Sottolinea inoltre che ci sono anche pazienti e visitatori negli ospedali.

Secondo Jacobs, la chiamata è “una chiamata per gioco scorretto” perché il personale ospedaliero deve mantenere un dovere di riservatezza. Per questo motivo, ritiene che l’accusa dovrebbe valutare se Coldeweijer debba essere perseguito per istigazione o istigazione.

Non limitarti a guardare

Secondo il professore, gli ospedali hanno regole rigide per il loro personale su come devono gestire le informazioni sui pazienti. “La regola è che non guardi nella cartella clinica di qualcun altro a meno che non ci sia una ragione medica per farlo.” Secondo lui, quando i dipendenti lo fanno senza motivo, stanno infrangendo le regole dell’ospedale e il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

A volte le cose sono andate male in passato, dice Jacobs. Allora guarda Decine di dipendenti dell’ospedale Haga dell’Aia senza motivo medico nel caso della star dei reality Samantha de Jong, meglio conosciuta come Barbie. Dopo un’indagine dell’autorità olandese per la protezione dei dati, l’ospedale ha ricevuto a Buona di 460.000 euro a causa del trattamento negligente dei dati dei pazienti.

Secondo il portavoce, le reazioni del personale ospedaliero dell’UMC Amsterdam questa mattina mostrano che danno per scontato che i dipendenti non trasmettano informazioni sui pazienti. “Dicono, ‘stiamo discutendo di qualcosa che ha senso, fa parte del codice professionale.'”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *