Un ex tirocinante scopre per caso che la Waalse Kerk possiede da secoli dipinti di Van der Helst nella sua collezione

Un ex tirocinante scopre per caso che la Waalse Kerk possiede da secoli dipinti di Van der Helst nella sua collezione

I Regents of the Walenweeshuis (1641-1642) sono attualmente in prestito al Museo di Amsterdam e devono essere restaurati.  Museo delle immagini di Amsterdam

I Regents of the Walenweeshuis (1641-1642) sono attualmente in prestito al Museo di Amsterdam e devono essere restaurati.Museo delle immagini di Amsterdam

Il lavoro I reggenti dell’orfanotrofio di Walen (1641-1642) è stato fino a poco tempo fa registrato come opera di autore sconosciuto, essendo stato a lungo elencato come Hendrick van Someren (1615-1685).

È stata Céline Oldenhage, ex apprendista della Waalse Kerk, a scoprirlo. Dopo aver scritto la sua tesi di storia culturale sul pavimento della lapide nella Waalse Kerk, il consiglio ecclesiastico gli ha chiesto di fare un inventario del vasto patrimonio mobile. Ciò includeva una vasta collezione di dipinti di registi di epoche precedenti della Fondazione.

Commissionato

Oldenhage ha suggerito con l’aiuto del portale del giornale Delfi un corpus di fonti di circa 50.000 articoli. Lì trovò un messaggio del 1932 circa I reggenti dell’orfanotrofio di Walenopera commissionata dalla Chiesa vallone nel XVII secolo.

Il messaggio descriveva come il restauratore PN Bakker avesse trovato la firma di Van der Helst nell’angolo in basso a destra della tela coperta dalla cornice. La scoperta provocò all’epoca una frenesia mediatica, ma meno di un anno dopo il dipinto fu nuovamente attribuito a Hendrick van Someren.

Dopo la pulizia

Oldenhage ha presentato la sua scoperta all’esperta di Van der Helst Judith van Gent e Norbert Middelkoop, specialista in ritratti di gruppo del XVII secolo del museo di Amsterdam, che avevano già suggerito nel 2021 per motivi stilistici che il dipinto del reggente potesse rappresentare un “giovane Van der Helst”. ‘. Forse.

Il dipinto è stato incorniciato, ma la firma non è apparsa immediatamente. Dopo aver ripulito l’angolo in basso a destra, i frammenti della firma erano ancora visibili e gli specialisti del museo di Amsterdam hanno concluso che si trattava molto probabilmente di un Van der Helst, il cui lavoro è esposto, tra gli altri, al Rijksmuseum.

Tuttavia, la vernice è in cattive condizioni e necessita di essere restaurata. La Waalse Kerk e il Museo di Amsterdam, che ha prestato il dipinto dal 2021, stanno cercando finanziamenti. Ci vorrà quindi del tempo prima che il pubblico possa vedere l’opera.

READ  Su Rai1 e Rai Radio1 "The Year to Come"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *