‘Il burnout è stato l’ennesimo colpo alla mia salute, ma anche una sorta di ‘regalo’

‘Il burnout è stato l’ennesimo colpo alla mia salute, ma anche una sorta di ‘regalo’

MT15 Unisciti alla conversazione Immagine

“Essendo la quinta figlia tra le mie sorelle maggiori e mio fratello, non mi sono sempre sentita desiderata. “Anche a me sarebbe piaciuto avere quattro figli”, dice mia madre. Ero l’unico che somigliava a mio padre con i suoi capelli biondi e che era mancino. Tutti i motivi per farmi sentire diverso e meno. Mi sono rivelata una ragazza tranquilla e insicura, il che mi ha reso facile preda dei bulli a scuola. Non avevo fidanzati o fidanzate e non parlavamo di sentimenti a casa. Ho tenuto tutto per me. Anche che uno zio ha abusato sessualmente di me. Ho sviluppato un disturbo alimentare. Potevo smettere di mangiare e questo mi ha dato la prima sensazione di essere bravo in qualcosa. Ben presto ho sviluppato seri problemi fisici. Ho smesso di avere le mestruazioni, avevo sempre freddo e svenivo spesso. All’epoca ho ricevuto aiuto dai Riagg, ma non hanno indagato sulla causa della mia anoressia. L’attenzione era sul cibo, ma nessuno mi ha chiesto come stavo davvero. Risultato: il disturbo alimentare è rimasto. Per quanto mi sentissi solo, era davvero sopravvivenza e in realtà non volevo continuare. Come regalo, qualcuno ha incrociato la mia strada con cui sono diventato amico per la prima volta nella mia vita. Mangiare era un po’ meglio, ma avevo bisogno di alcol per affrontare la vita.

MT15 Unisciti alla conversazione Immagine

È così che sono passato da una dipendenza all’altra. Nel frattempo mi sono sposata e ho avuto due figlie, ma ero squilibrata e i problemi sono rimasti. Sono stato bruciato durante il mio lavoro amministrativo. È stato l’ennesimo colpo alla mia salute, ma poi anche una sorta di “regalo”. Perché durante il mio recupero ho avuto l’opportunità di fare finalmente quello che so fare meglio: lavorare nel campo della salute. Ho lavorato in psichiatria per dieci anni. Questo cambiamento includeva anche la formazione come assistente psicosociale, che a sua volta includeva la terapia dell’apprendimento. Durante questa terapia, sono stato finalmente in grado di elaborare i miei traumi e problemi dopo tutti questi anni. Quando ho scritto la mia tesi sui disturbi alimentari, tutto è andato a posto; come esperto per esperienza, so e capisco così tanto. Ora sostengo le persone con un disturbo alimentare nella mia pratica e faccio volontariato in questo settore. Sono di nuovo vivo e mi godo davvero la vita. Il fatto che io possa aiutare gli altri a riprendere il controllo della propria vita chiude il cerchio. Questo è quello che posso fare e questo è quello che voglio essere.

READ  ospedali evacuati, città deserte, strade come fiumi in piena

Questo articolo è tratto dalla rivista digitale di Margriet. Curioso di sapere cos’altro c’è dentro? Clicca qui.

Ilse van RoekelImmagini Getty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *