Un ragazzo che è stato spinto dal tetto di un museo ha potuto celebrare la prima festa dei bambini

Un ragazzo che è stato spinto dal tetto di un museo ha potuto celebrare la prima festa dei bambini

Il ragazzo francese aveva sei anni quando è stato sbalzato dalla piattaforma panoramica del Tate Museum da un adolescente britannico. Sopravvisse alla caduta, ma rimase gravemente ferito: il ragazzo si ruppe quasi tutte le ossa e subì danni cerebrali a causa di un’emorragia interna al cervello. È stato in terapia intensiva per mesi ed è stato in grado di lasciare l’ospedale solo dopo un anno per continuare la sua guarigione a casa.

Festeggiare il compleanno

Ora la sua famiglia dice che il ragazzo, che ora ha 9 anni, ha bisogno solo di due stecche e cammina “sempre più eretto”. Per la prima volta ha anche festeggiato il suo compleanno con alcuni compagni di scuola. “È stato molto faticoso, ma un passo avanti verso una vita normale”, scrivono i suoi genitori.

Può anche nuotare sotto la guida di un terapista e di recente ha visitato per la prima volta l’affollata mensa della scuola. “Era molto felice, ma poiché è ancora molto sensibile ai suoni, in seguito ha sofferto di mal d’orecchi”.

i soldi raccolti

Dopo l’incidente, la sua famiglia ha fornito aggiornamenti occasionali su una pagina di crowdfunding in cui il denaro viene raccolto per le spese mediche† Sono stati raccolti oltre € 350.000. La famiglia afferma di aver appena ricevuto la conferma che la clinica riabilitativa continuerà ad aiutare il ragazzo “per tutto il tempo necessario”. “Ci vorranno sicuramente ancora qualche anno”.

La caduta ha causato a grande shock nel 2019† Il ragazzo era in piedi con sua madre e sua sorella sulla piattaforma panoramica del museo quando è stato improvvisamente spinto fuori dal nulla da un adolescente britannico. Successivamente è diventato chiaro che l’attaccante, l’allora 17enne Jonty Bravery (nella foto sopra), aveva seri problemi psicologici.

READ  L'Australia vuole introdurre una legge per criminalizzare l'uso dei simboli nazisti

Aveva già indicato in conversazioni con gli operatori umanitari un anno prima che intendeva commettere un omicidio e aveva persino annunciato che lo avrebbe fatto spingendo qualcuno fuori da una piattaforma di osservazione a Londra. Fu condannato a 15 anni di carcere per tentato omicidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *