Uomo arrestato per attentato all’IRA di Manchester del 1996

Uomo arrestato per attentato all’IRA di Manchester del 1996

Vigili del fuoco di Manchester

Notizie ONS

La polizia inglese ha arrestato un uomo all’aeroporto di Birmingham in connessione con un attentato dinamitardo il 15 giugno 1996 a Manchester. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo separatista paramilitare nordirlandese IRA. Centinaia di persone sono rimaste ferite nell’attacco.

“Siamo sempre stati determinati a consegnare i responsabili alla giustizia”, ​​ha detto il capo dell’antiterrorismo della polizia di Greater Manchester dopo l’arresto. “Un team di investigatori motivati ​​ha esaminato di nuovo il fascicolo e ha indagato su nuovi scenari”.

La bomba da 1.500 libbre è stata nascosta in un camion parcheggiato nel centro di Manchester. Oltre agli acquirenti, c’erano anche molti tifosi di calcio, poiché l’Inghilterra avrebbe giocato una partita a Londra più tardi quel giorno nel Campionato europeo di calcio.

Chiamata di avviso

Un’ora e mezza prima dell’esplosione della bomba, la polizia ha ricevuto una chiamata di avvertimento. Ad esempio, i servizi di emergenza sono riusciti a rimuovere 75.000 persone dalla zona. Ciò non ha potuto impedire a più di 200 persone di rimanere ferite.

Su YouTube le immagini dell’evacuazione, dell’esplosione e della distruzione:

L’autore o gli autori non sono mai stati trovati. Non è chiaro di cosa la polizia sospetti il ​​sospetto. Il danno ammonta a circa 1,5 miliardi di euro.

READ  Kim Jong-un emaciato, il popolo nordcoreano in ansia: "Ti spezza il cuore" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *