“Usare miliardi russi per costruire l’Ucraina sarà difficile”

“Usare miliardi russi per costruire l’Ucraina sarà difficile”

Notizie ONS

  • Lancio di fiori

    Corrispondente dal Regno Unito e dall’Irlanda

  • Lancio di fiori

    Corrispondente dal Regno Unito e dall’Irlanda

L’idea di utilizzare miliardi russi congelati per ricostruire l’Ucraina ha un sostegno politico, anche in Europa. Ma l’attuazione è legalmente complicata, spiega un avvocato specializzato. Tra i difensori ci sono il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e l’ex primo ministro britannico Boris Johnson.

Gli Stati Uniti e il Canada sono già più avanti nel processo. Di recente è stata approvata una legislazione che consente allo stato di confiscare i beni russi che sono stati congelati. Un anno fa, il governo britannico ha congelato circa 18 miliardi di sterline in attività di oligarchi russi. I 27 stati membri dell’Unione Europea hanno sequestrato circa 300 miliardi di euro di denaro russo.

“L’invasione dell’Ucraina ha finalmente attirato l’attenzione dei capi di governo sugli oligarchi, evasori fiscali e criminali che hanno parcheggiato i loro soldi nelle città europee”, ha detto il giornalista investigativo britannico Oliver Bullough. “Stiamo parlando di miliardi di sterline di proprietà di proprietà russa a Londra”.

Ciò ha fatto guadagnare alla capitale britannica il soprannome di “Londongrad”. “Le sanzioni non sono sufficienti. Dovremmo usare questo capitale per aiutare gli ucraini a ricostruire le loro infrastrutture distrutte, le loro case distrutte e le loro vite distrutte”, ha detto Bullough.

Supera gli edifici “cattivi”.

Bullough ha indagato per anni sugli abusi finanziari e ha scritto il best-seller, tra le altre cose Moneyland – Perché ladri e truffatori ora governano il mondo e come riprenderselo. Insieme al dissidente russo Roman Borisovitch, organizza “klepto tour” lungo edifici “cattivi” di oligarchi, che sono stati in gran parte “congelati” dopo la guerra.

Il tour include Athlone House, una villa vittoriana nel nord di Londra, con un giardino di cinque ettari in stile Versailles. Il miliardario russo-israeliano Mikhail Fridman l’ha acquistata per circa 65 milioni di sterline, ma dopo la ristrutturazione e l’ampliamento la proprietà è ora valutata intorno ai 130 milioni di sterline. E poi c’è 5 Belgrave Square, una proprietà da decine di milioni di dollari nel cuore di Londra acquistata dall’oligarca russo Oleg Deripaska. Anche questo ora è stato congelato.

“L’unico modo per questi uomini d’affari di diventare così ricchi in Russia è perché hanno stretto accordi con il governo russo”, dice Roman Borisovitch. “E questo è anche ciò che li collega al regime”.

In visita alle ville dei ricchi russi a Londra: “Dobbiamo toglierlo”

Eppure molti esperti legali avvertono che i beni congelati ei saldi bancari non possono essere semplicemente confiscati. Non c’è alcuna base legale per questo, secondo l’avvocato delle sanzioni finanziarie Michael O’Kane. Uno degli ostacoli è il diritto di proprietà ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Anche il Regno Unito deve conformarsi.

“I beni sono congelati. Ma prima di poter espropriare, devi dimostrare che i beni sono stati acquisiti con mezzi criminali. Fare affari in Russia era legale fino all’inizio della guerra, il 24 febbraio 2022. Puoi sequestrare i beni di qualcuno per attività che sono stati precedentemente considerati legali sono stati considerati e senza prove o procedimenti legali? Prima devi dimostrare che i beni sono stati ottenuti con mezzi criminali, e questo diventa molto difficile.

READ  Indagine del NYT: lobbisti nei complessi dell'impero Trump in cambio di favori

C’è un altro punto da considerare, dice l’avvocato O’Kane. “L’idea alla base delle sanzioni è cambiare il comportamento. È un modo, in questo caso, per fare pressione sul governo russo. Se confischi la proprietà, quale incentivo o incentivo rimane per cambiare comportamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *