“Quella notte mio padre si addormentò e non si svegliò più”

“Quella notte mio padre si addormentò e non si svegliò più”

“Nell’estate del 2016 io e mio padre eravamo entrambi in vacanza. Ho visitato il Nicaragua per un mese e sono andato in vacanza in moto in Italia con alcuni amici. Era in Valle d’Aosta, in Italia, quando il bel cielo attirò la sua attenzione. Ha scattato una foto di una nuvola che mi ha inviato.

Ho anche scattato una foto di lui che beve felicemente una birra mentre è seduto a un tavolo da picnic al sole. Aveva appena finito un calzone e si stava godendo i bei dintorni e il bel tempo. Quella notte mio padre si addormentò e non si svegliò più.

“Era il mio ultimo giorno in Nicaragua quando ho visto che avevo ricevuto chiamate perse da mio fratello. Quando l’ho richiamato mi ha detto la notizia. È stato così surreale sentire questa notizia così lontano da casa. Ero lì in un hotel dell’aeroporto, che sembrava triste come la situazione in cui mi sono trovata improvvisamente. Il giorno dopo, io e il mio amico siamo volati in Olanda ed ero triste sull’aereo. Uno degli assistenti di volo ha sentito quello che è successo. “Sono vicino in bagno, quindi vieni a chiacchierare”, ha detto.

Era così caloroso e sincero. La vedo ancora con i suoi capelli biondi e il suo accento di Amsterdam. Quando penso alla morte di mio padre, penso spesso a lei ea come mi ha dato un po’ di sostegno con un piccolo gesto in quel momento che mi ha fatto stare bene. Nei Paesi Bassi sono andato da mio padre. È stato pazzesco come l’abbia lasciato prima di andare in vacanza. I piatti erano ancora sul bancone, come se li stesse per preparare una volta tornato a casa.

READ  Con un'auto elettrica per gli sport invernali 2022-2023

Come famiglia, abbiamo subito notato quanto sia diverso quando qualcuno muore all’estero. Ad esempio, la causa della morte di mio padre doveva essere determinata ufficialmente prima che il suo corpo potesse essere restituito ai Paesi Bassi. Significava anche che dovevamo organizzare tutto con persone in Italia quella prima settimana, come con il medico legale per l’autopsia.

Lesley (24) ha perso la sua migliore amica Kim in un’esplosione di gas in Messico.

‘Non è possibile, continuavo a pensare’

“Una delle cose che dovevamo vendere era il suo camper. Ma ho capito che volevo tenerlo. Ho chiamato il camper Vantheo, ‘van’ dalla parola inglese per furgone e Theo secondo mio padre. E quando tutte le pratiche amministrative I problemi sono stati finalmente messi nel dimenticatoio, ho deciso di andare a Capo Nord con il mio amico sul Vantheo.

Il tempo era cupo ea volte dovevamo fare il giro di un fiordo. Se fosse stato un viaggio qualunque, ci saremmo voltati. Ma sembrava qualcosa che dovevamo fare per mio padre. Negli anni successivi abbiamo fatto ancora più viaggi con il camper, il tipo di viaggi che mio padre avrebbe voluto. Poi creiamo una playlist per il viaggio che include canzoni dei Dire Straits, perché gli piaceva così tanto.

Mi piace usare le sue cose quando viaggio, come le posate o la caffettiera. Sono le piccole cose che mi fanno sentire connesso. Quando stavamo attraversando l’Italia durante la nostra ultima vacanza, improvvisamente abbiamo visto un cartello che indicava la valle dove è morto mio padre. Non avevo bisogno di andare nel punto esatto in cui era seduto al tavolo da picnic. È più bello vivere in modo più astratto nella tua mente. Continuerò a farlo, in ogni viaggio successivo che prendo nel Vantheo.

READ  In Francia 300.000 contaminazioni in 24 ore e politica nel caos

Puoi leggere le storie della persona Louise e Lesley in Flair 11-2023.

Michele IwemaYara Brewer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *