Uuuu! non è un fischio, spiega TivoliVredenburg con un poster agli artisti

TivoliVredenburg

In collaborazione con

RTV Utrecht

Notizie ONS

Da questa settimana nella sala da concerto TivoliVredenburg sono stati appesi poster che spiegano agli artisti la U-call di Utrecht durante le esibizioni. Diversi artisti sono rimasti sorpresi dalle urla perché pensavano di essere stati fischiati.

L’U-cry era originariamente utilizzato dai tifosi dell’FC Utrecht nello stadio per mostrare orgoglio per la città. L’esclamazione, accompagnata da un gesto della mano, ha fatto la sua comparsa anche in altri eventi e nelle sale da concerto.

“È iniziato circa sei anni fa, ma dopo la corona è aumentato in modo significativo. Ci sono stati di nuovo concerti e molti visitatori erano molto entusiasti”, ha detto un portavoce di TivoliVredenburg. RTV Utrecht.

Confusione

La chiamata U di solito inizia quando gli artisti lasciano cadere la parola Utrecht. I musicisti poi pensano di avere a che fare con un pubblico insoddisfatto, ma allo stesso tempo vedono che tutti sono contenti. Questo porta a confusione. “Cosa stai fischiando? Amo la tua città!“, secondo RTV Utrecht, il cantante punk britannico Frank Carter ha recentemente reagito con sorpresa.

Secondo il portavoce, anche altri artisti sono rimasti scioccati, come Merol, Eefje de Visser e Nations of Language. “UUU è principalmente chiamato da artisti olandesi o hip-hop.”

La protesta ha scatenato polemiche sui social. Ad esempio, una parte pensa di non appartenere a una sala da concerto. TivoliVredenburg conosce la discussione. “Non vogliamo e non possiamo vietarlo. È meglio accettarlo e spiegarlo”.

“È una buona cosa, vero?”

Il poster ha già avuto il suo effetto, dice il portavoce. “Quando gli artisti l’hanno sentito, ora dicono: ‘Oh sì, è una buona cosa, vero?Quindi sembra funzionare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.