Vacanze sul freno a mano, ma in sofferenza nani Ucraina

Vacanze sul freno a mano, ma in sofferenza nani Ucraina

Il colpo è il più grande per l’Ucraina, dice Oad. “Era un paese turistico emergente con una buona energia fresca”. Koster prevede che passerà molto tempo prima che sia possibile tornare in Ucraina e confronta la situazione con l’ex Jugoslavia. Ancora una volta, ci sono voluti anni prima che il settore turistico si riprendesse completamente.

Oostdam dell’ANVR concorda: “È importante che questo Paese venga prima ricostruito. Ci vorrà molto tempo. È un vero peccato, è un Paese bellissimo, c’è così tanto da vedere nella cultura e nella storia”.

Sensazione

Anche le persone che avrebbero voluto andare in Russia hanno dovuto cambiare i loro piani a causa delle sanzioni. “Molte persone avevano posticipato il loro viaggio, a volte di uno o due anni a causa del corona, o avevano cancellato o riprenotato. Ora questo non è più possibile, perché un avviso di viaggio negativo si applica alla Russia e il consolato russo non rilascia più visti “, afferma il direttore Tom Joosten van Russia, specialista di Eurocult-Lito.

Ha già visto un netto calo delle prenotazioni dall’incidente del volo MH17 sull’Ucraina orientale nel 2014. Prima di allora, la Russia era una destinazione popolare, dal momento che il paese si è aperto dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Quando il viaggio in Russia sarà di nuovo possibile, quando le restrizioni di viaggio saranno revocate a causa delle sanzioni, la domanda è quale sarà la sensazione. “Dal comportamento dei viaggiatori notiamo che anche altre cose oltre alla cultura giocano un ruolo”, afferma Oostdam di ANVR. “Il consumatore medio non abbraccerà presto la Russia”, pensa il capo di Oad Koster.

READ  Nuova giornata di protesta in Francia, cinque domande sul malcontento

amo viaggiare

Una grande differenza con la Guerra del Golfo nei primi anni ’90 è che la gente vuole andare in vacanza, dice Koster. Poi il turismo è crollato, ma ora non vede che ciò accada. “Il consumatore olandese vuole andare in vacanza, soprattutto dopo due anni di corona, quindi prenota in altri paesi”.

Alla gente piace viaggiare, dice Oostdam, quindi speriamo che prenoteranno quando la guerra sarà finita. Quindi non vanno in queste regioni, ma si spostano verso altre destinazioni, come il Mediterraneo.

Secondo TUI, il fatto che la crescita si stia stabilizzando potrebbe avere anche altre cause oltre alla situazione in Ucraina. “A causa del forte aumento dei prezzi del carburante, i costi di viaggio sono un po’ più alti e c’è incertezza sulle bollette energetiche delle famiglie. È troppo presto per poter fare affermazioni più concrete in merito”.

“Le vacanze sono un’emozione e ora soffrono molto”, dice Oostdam. “Godiamo di pace, sicurezza e fiducia. Vedremo che il numero degli ultimi minuti aumenterà, perché le persone aspetteranno ancora un po'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *