‘Vai a votare!’  Gli elettori arabi possono decidere le elezioni in Israele

‘Vai a votare!’ Gli elettori arabi possono decidere le elezioni in Israele

PAPÀ

Notizie ONS

  • Cravatte Brock

    Corrispondente Israele/territori palestinesi

  • Cravatte Brock

    Corrispondente Israele/territori palestinesi

“Bisogna votare”: questo il messaggio chiaro che Munia ed Esraa indossano sulle loro maglie. Le due giovani donne passano davanti alle porte di Rahat, una città araba nel sud di Israele, portando volantini. Stanno cercando di convincere la gente a votare, ma non è facile, sospira la volontaria Munia Al-Amour: “La gente è frustrata, non lo vuole più”.

Gli elettori arabi come i residenti di Rahat hanno il voto decisivo alle elezioni legislative di domani. Israele andrà quindi alle urne per la quinta volta in quattro anni. Se l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu riesca a tornare al potere è la grande domanda. E la risposta è nelle mani degli elettori arabi in Israele.

I cittadini arabi sono delusi e frustrati da ciò che è stato fatto in passato al loro voto.

Jamal Amal, professore di scienze politiche

Più israeliani di discendenza araba o palestinese votano, meno è probabile che Netanyahu e i suoi ultraortodossi e estrema destra gli alleati ottengono la maggioranza in parlamento. Ma l’affluenza prevista tra gli elettori arabi è bassa, non molto superiore al 45%.

Anche a Raha molte persone hanno in programma di restare a casa domani. È difficile convincerli comunque a votare, spiega Munia, una volontaria: “Pensano che comunque ci saranno nuove elezioni. Ecco perché dovremmo visitarli e dare loro speranza. Dì che il cambiamento arriverà e dobbiamo far sentire la nostra voce. .”

Cittadini di seconda classe

Sono discriminati e di fatto sono cittadini di serie B, spiega il professore di scienze politiche Jamal Amal dell’Università di Tel Aviv: “Ecco perché c’è molta frustrazione all’interno di questa comunità per il rapporto con il governo”. Ad esempio, molti credono che la polizia israeliana stia facendo troppo poco contro il violenza di gruppo nella comunità araba.

Secondo il professore, il basso tasso di partecipazione ha molto a che fare con questo: “C’è una grande sfiducia nel sistema politico. I cittadini arabi sono delusi e frustrati da ciò che è stato fatto in passato al loro voto.

Coalizione di governo

Molti elettori arabi votano per i partiti arabi, che di solito sono all’opposizione. Ma dopo le precedenti elezioni, il partito islamista conservatore Ra’am ha compiuto un passo storico: il leader Mansour Abbas ha deciso di entrare a far parte della coalizione di governo, cosa mai vista prima da un partito arabo indipendente.

La differenza è stata subito evidente a Rahat, ha detto il sindaco Fayexz Abu Sahiban, che è anche un membro del partito. “Queste strade sono tutte nuove”, dice sulla mappa della sua città. “E qui pianteremo erba, fiori e alberi. In modo che le persone possano sedersi lì, come in Europa”.

PAPÀ

Non tutti sono fan dell’ex primo ministro Benjamin Netanyahu.

Secondo il sindaco, il breve periodo durante il quale il suo partito ha fatto parte della coalizione di governo ha già dato qualcosa. Con soldi extra dal governo, ha rinnovato diversi luoghi della città. Capisce però anche che non basta portare la popolazione araba alle urne: “Questo governo c’è solo da un anno. Non puoi fare nulla in così poco tempo. Ecco perché dobbiamo dare loro un’altra scadenza in modo che possano continuare”.

READ  Il Senato degli Stati Uniti approva la nuova legge sulle armi | All'estero

Se funziona è altamente discutibile. Secondo gli ultimi sondaggi, il partito del sindaco sta perdendo rispetto alle precedenti elezioni.

I volontari di Munia ed Esraa stanno facendo tutto il possibile per mobilitare le persone. Ma non sa ancora se voterà, dice Naima Alhojoj, che ha appena aperto la porta ai due volontari. Invitano la donna a votare davvero: “Non importa per chi voti, purché sia ​​un arabo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *