Van de Zandschulp con nuovo status a Parigi: “I toppers preferiscono evitarlo” | ADESSO

Botic van de Zandschulp inizierà domenica al Roland Garros come primo olandese dal 2017 con lo status di testa di serie in un torneo del Grande Slam. L’allenatore Peter Lucassen e il capitano della Coppa Davis Paul Haarhuis parlano dell’anticipo del Veenendaler in una chat con NU.nl. “Il suo DNA tennistico è stato rafforzato”.

Da numero 154 del mondo nelle qualificazioni a status protetto al Roland Garros: molto è cambiato dall’ultima volta che Van de Zandschulp ha messo piede sulla terra battuta francese. Il leader del tennis olandese ha barattato l’anonimato in un anno per un posto tra i big nei primi trenta.

“Ora andremo al Roland Garros in modo molto diverso rispetto al 2021”, spiega il suo allenatore Lucassen. “La più grande differenza in Botic è la maggiore fiducia in se stessi. È fiducioso in campo, quindi sta giocando sempre meglio. Ha già giocato delle belle partite quest’anno. Botic pensa di poter battere chiunque e dimostrarlo”.

Il suo sensazionale quarto di finale come qualificazione agli US Open nel 2021 è venuto dal nulla, ma Van de Zandschulp ha successivamente dimostrato di non essere una meraviglia. Il ritardatario (26) ha vinto vittorie su top player come Félix Auger-Aliassime, Andrey Rublev e Casper Ruud e ha raggiunto la finale di un torneo ATP per la prima volta sulla terra battuta a Monaco il mese scorso.

“Gli US Open hanno dato una spinta al suo DNA del tennis”, osserva Haarhuis, 56 anni, manager della Coppa Davis di Van de Zandschulp. “Prima di allora, Botic cercava quello di cui poteva essere capace. Ora pensa: ehi, posso battere questi bravi ragazzi. Quell’esperienza fa qualcosa per un giocatore”.

READ  Atalanta-Midtjylland 1-1: il gol di Romero salva la dea

“Inoltre, ha lavorato ancora più duramente negli ultimi due anni. Sta facendo più allenamento fisico e presta ancora più attenzione alla sua dieta. Quindi Botic sa che può gestire le partite fisicamente e questo gli dà fiducia. Con il suo gioco difensivo, i ritorni, fetta, ammortizzazione, potenza e velocità, Botic è anche molto versatile. È senza eguali.

Botic van de Zandschulp inizia per la prima volta come testa di serie in un torneo del Grande Slam.


Botic van de Zandschulp inizia per la prima volta come testa di serie in un torneo del Grande Slam.

Botic van de Zandschulp inizia per la prima volta come testa di serie in un torneo del Grande Slam.

Foto: PAPÀ

Van de Zandschulp può incontrare Nadal nel terzo round

Dopo gli US Open, Van de Zandschulp ha ignorato gli sfidanti e ha giocato solo a tornei ATP. A volte c’è un’eliminazione al primo turno, ma ha ancora pochi punti in classifica da difendere e improvvisamente la linea della classifica mondiale sale solo. All’inizio di quest’anno, Van de Zandschulp si è classificato al 57° posto nella classifica mondiale ed è il numero 29 del mondo al Roland Garros.

Robin Haase, la cui vetta della classifica è stata superata da Van de Zandschulp, è stato l’ultimo giocatore singolo olandese ad iniziare un torneo del Grande Slam con status protetto agli US Open 2017. Ci sono solo Richard Krajicek, Sjeng Schalken e Martin Verkerk. .

Alla fine, Van de Zandschulp non può incontrare una testa di serie nei primi due round. L’effetto collaterale è che ci si aspetta di più dalla bandiera del tennis maschile olandese. “Quando a volte leggo articoli sui giornali, noto che Botic è stato visto in modo diverso dagli US Open dell’anno scorso”, afferma Haarhuis.

READ  Perez è preferito ad Albon

“Ma devi ricordare che Botic si è appena qualificato direttamente per un torneo del Grande Slam per la seconda volta. Ci sono ragazzi che fanno il programma principale trenta volte di seguito. Ci vuole quello per avere quella sensazione familiare. Torneo Slam. Botic ha ancora molta esperienza da acquisire in questo senso”.

Grazie al suo status di testa di serie, Van de Zandschulp Roland Garros inizia domenica (seconda partita dopo le 11:00 sulla corsia 12) con una partita relativamente facile contro il qualificato russo Pavel Kotov (ATP-143), ma uno squatter viene subito chiamato. Se l’olandese riuscirà a raggiungere il terzo round, probabilmente dovrà affrontare il tredici volte vincitore Rafael Nadal.

Van de Zandschulp ha recentemente raggiunto la finale del torneo ATP 250 di Monaco.


Van de Zandschulp ha recentemente raggiunto la finale del torneo ATP 250 di Monaco.

Van de Zandschulp ha recentemente raggiunto la finale del torneo ATP 250 di Monaco.

Foto: PAPÀ

“Con i prezzi strutturali, Botic può ampliare la sua squadra”

Anche per una leggenda del tennis come Nadal, Van de Zandschulp non sarà più un topo grigio. L’anno scorso, come qualificato per acrobazie agli US Open, ha dovuto spiegare ai giornalisti stranieri come si pronuncia “Van de Zandschulp” in primo luogo: questo fumetto video è in cima al suo profilo Twitter, ma Lucassen sa che il suo versatile allievo non è più sottovalutato dagli altri tennisti.

“È incredibilmente difficile battere i migliori giocatori al meglio dei cinque. Questo vale per ragazzi come Rafael Nadal e Novak Djokovic, ma anche Botic. Se un top player deve giocare contro di lui in un torneo del Grande Slam, lui pensa: merda, devo affrontare Botic. Preferiscono evitarlo. Ha davvero ispirato rispetto.

READ  Italiano: “Il Sassuolo è una squadra molto forte, ma stiamo crescendo. Approfittiamo del momento"

La grande domanda è dove si trova il bar di Van de Zandschulp e se lui, come Verkerk (Roland Garros 2003, secondo classificato perdente) e Krajicek (Wimbledon 1996, vittoria) è in grado di andare lontano in futuro in un torneo del Grande Slam. Haarhuis, che ha vinto sei titoli di doppio del Grande Slam con Jacco Eltingh, spera che l’olandese possa alla fine ampliare il suo staff tecnico.

“Più in alto si va in classifica, più vinci. Poi hai anche i mezzi economici per coinvolgere esperti, come un preparatore fisico e un fisioterapista”, spiega l’ex specialista del doppio. “Poi presti il ​​300% di attenzione al tuo corpo e al tuo gioco e questo ripaga molto. Guarda i migliori giocatori di oggi, hanno sempre un’intera squadra intorno a loro”.

Lucassen vede che Van de Zandschulp è già vicino al livello per esibirsi bene nei tornei del Grande Slam. “Deve solo dimostrarlo più spesso nei momenti importanti e diventare più coerente. Non abbiamo fissato un obiettivo preciso per il Roland Garros. Se mostra il miglior Botic e viene eliminato al terzo turno dopo una grande partita, è troppo buono Ma ha una possibilità contro tutti gli avversari.

Migliori risultati del Grande Slam Van de Zandschulp

  • Australian Open: Terzo Round (2022)
  • Roland Garros: secondo turno (2022)
  • Wimbledon: secondo turno (2021)
  • US Open: quarti di finale (2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.