Van der Wiel sugli attacchi di panico post-carriera: ‘Mente e corpo hanno avuto tempo’ |  Calcio

Van der Wiel sugli attacchi di panico post-carriera: ‘Mente e corpo hanno avuto tempo’ | Calcio

“In effetti, non ho molti ricordi di tutte le grandi esperienze che ho avuto”, dice l’ex terzino destro che è andato alla finale dei Mondiali con la squadra dell’Orange. “È un po’ un peccato, ma penso anche che dica molto su come il mio ascoltare era in quel momento. Ero su questo treno espresso solo per esibirmi, per migliorarmi. Anche con partite come la finale dei Mondiali, non credo di aver realizzato quanto fosse bello, quanto fosse importante, quanto fosse grande. Sono semplicemente andato con il flusso e ho giocato ai miei giochi. Ora, in retrospettiva, penso: “Avrei dovuto apprezzare di più, sentire di più”.

“In effetti, non ricordo molto di tutte le grandi esperienze che ho avuto”

Van der Wiel, 34 anni, crede che sia legato ad attacchi di panico dopo la sua carriera. “In effetti, non sono venuti fuori dal nulla fino a sei mesi dopo che ho smesso. Penso che abbia a che fare con questo treno su cui ero, per anni stavo solo giocando. Non sono uno che lascia andare le cose facilmente”.

“Non era, ‘Ok, sto giocando a calcio ora e me ne dimenticherò più tardi.’ No, se non è andata bene mi è rimasto impresso”, ha detto l’ex giocatore di Ajax, Paris Saint-Germain e Fenerbahçe. “Penso che quando ho smesso di giocare a calcio per un po’ e la mia mente e il mio corpo hanno avuto il tempo di elaborarlo, si è manifestato come attacchi di panico. E in seguito mi sono sentito ansioso dentro di me e il mio corpo era completamente bloccato.

READ  Il sostituto Blind fa il suo debutto e ottiene la sua prima vittoria del 2023 con il Bayern nel torneo di coppa | Calcio

Ora che la sua carriera è finita, Van der Wiel spera di essere utile ai giovani. “Penso di poter aiutare con le mie esperienze, sia dentro che fuori dal campo, così come finanziariamente, oltre che con la salute mentale. Non è stato facile nemmeno per me nelle giovanili dell’Ajax. Sono stato licenziato quando avevo quattordici anni eppure sono tornato. Quindi vedrò se mi piace aiutarli e se posso contribuire.

Bayern Monaco

Van der Wiel ha anche spiegato perché non è andato al Bayern Monaco nel 2010. “Ero giovane, vengo da Amsterdam e non mi piaceva molto la Germania. Non so perché. Non avevo niente a che fare con la Germania. Poi pensi: ‘Sono matto o cosa?’ Il Bayern Monaco è uno dei club migliori e più grandi del mondo. Ma poi ero giovane, il mio mondo non era così grande e non c’era nessuno a convincermi. Quindi ho solo detto: ‘No, grazie.’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *