Van Nieuwkerk di nuovo in TV?  Così dicono le emittenti

Van Nieuwkerk di nuovo in TV? Così dicono le emittenti

Van Nieuwkerk di nuovo in TV?  Così dicono le emittenti

È passato un po’ di tempo da tutto questo trambusto intorno a Matthijs van Nieuwkerk. Il ritorno alla televisione è imminente o improbabile? Jan Slagter lo ha sostenuto all’inizio di giugno (at Jinek c’era una discussione al riguardo) e avrebbe presentato una proposta alla ONP. Ma dopo un’indagine, sembra che la maggior parte delle emittenti non parli con Van Nieuwkerk.

Agenzia di stampa PAPÀ ha intervistato varie emittenti sul loro contatto con il presentatore. Solo PowNed ed EO hanno fatto sapere, come qualche settimana fa, che Van Nieuwkerk è il benvenuto tra i broadcaster. “PowNed non esclude nessuno”, afferma l’emittente di PowNed Dominique Weesie. L’EO dice tramite un addetto stampa che “se c’è una corrispondenza logica” non lo escludono.

Il ritorno in TV di Matthijs van Nieuwkerk “non è ancora stato discusso”

Ma PowNed e l’EO dicono anche che non ci sono ancora discussioni con l’ex presentatore di, tra le altre cose. Il mondo continua. Anche un nuovo lavoro presso AVROTROS non sembra un’opzione. “Non abbiamo contatti con Matthijs”, ha detto un portavoce. VPRO riferisce che facilitare a ritornare Van Nieuwkerk “non è all’ordine del giorno”. KRO-NCRV afferma che tornerà sulla questione in un secondo momento. WNL e Omroep Zwart devono ancora rispondere. La NPO afferma che non farà “altri annunci” al riguardo.

Anche Omroep Max non sta lavorando a un programma su Van Nieuwkerk. All’inizio di questa settimana, l’emittente ha annunciato che “era allo studio una proposta adeguata”, ma in seguito l’ha ritirata.

agitarsi

Alla fine dello scorso anno, Van Nieuwkerk è stato screditato da un articolo su di Volkskrant sulla cultura della paura tra i redattori del suo programma Il mondo continua. Il produttore televisivo ha poi deciso di lasciare il suo datore di lavoro BNNVARA perché non si sentiva supportato dall’emittente dopo la pubblicazione dell’articolo. “Il fatto che il mio datore di lavoro dubiti apertamente della mia sincerità rende impossibile qualsiasi collaborazione”, ha detto all’epoca il regista televisivo di 62 anni.

Un comitato guidato da Martin van Rijn sta attualmente indagando sul comportamento transfrontaliero all’interno dell’NPO ea Hilversum, inclusa la presunta cultura della paura al DWDD. Il comitato ha annunciato giovedì che avrebbe rinviato la pubblicazione dei risultati e di un piano d’azione di accompagnamento fino all’ultimo trimestre dell’anno a causa della due diligence e di un numero di rapporti maggiore del previsto.

I cugini Jan Roos e Saskia Noort coinvolti in una faida familiare: “Battaglia”

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ne siamo grati.

Risposta all’articolo:

Matthijs van Nieuwkerk tornerà in televisione? Così dicono le emittenti

READ  Nerd Culture #72 sul surrealismo nel cinema (Feat. Veras Fawaz)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *