Van Vleuten, vincitore del Giro e del Tour, punta a una “tripla” speciale alla Vuelta |  ADESSO

Van Vleuten, vincitore del Giro e del Tour, punta a una “tripla” speciale alla Vuelta | ADESSO

Annemiek van Vleuten può segnare una tripletta questa settimana. Il 39enne olandese ha già vinto quest’anno il Giro d’Italia Donne e il Tour de France Women e partirà mercoledì nella provincia spagnola della Cantabria come difensore del titolo e contendente al Ceratizit Challenge di La Vuelta.

Naturalmente, vincere il Giro, il Tour e la Vuelta in una stagione sarebbe speciale per Van Vleuten. “Ma non posso dire che questa ‘tripla’ di per sé sia ​​un grande obiettivo per me”, ha detto il leader della squadra spagnola Movistar. “Perché se ‘La Vuelta’ è nel nome di questa corsa, non ha ancora la lunghezza o le tappe difficili che appartengono a un Grand Tour”.

La controparte femminile della Vuelta a España è iniziata nel 2015 come gara di un giorno, che si è svolta a Madrid l’ultima giornata della Vuelta maschile. È una corsa di più giorni dal 2018 e quest’anno è l’edizione più lunga fino ad oggi, con un totale di cinque tappe.

Ciò rende il Ceratizit Challenge di La Vuelta significativamente più breve del Giro d’Italia Donne (dieci tappe) e del Tour de France Donne (otto tappe). Inoltre, il percorso in Spagna sarà meno difficile per i prossimi cinque giorni rispetto alle tappe italiana e francese. Non ci sono tappe di montagna pesanti in programma.

“Lo sanno tutti che sono un fan delle gare difficili”, dice Van Vleuten, che ha fatto la differenza al Giro e al Tour nelle tappe più alte. “Ho più possibilità di vincere se le tappe sono lunghe, difficili e con molta dislivello, quindi penso che sarà molto più difficile per me vincere la Vuelta che il Giro o il Tour”.

READ  "La sentenza del giudice sportivo è sbagliata e merita di essere riformata in secondo grado"

Van Vleuten: “Il Tour è stata una svolta per il ciclismo femminile”

Van Vleuten troverà probabilmente la sua strada l’anno prossimo, nella sua stagione d’addio da professionista. La nona edizione della Vuelta durerà sette giorni e si svolgerà da maggio. Questo separerà la gara dalla Vuelta a España maschile.

Il fatto che ‘La Vuelta Femenina’ – come sarà chiamata la corsa dal 2023 – stia diventando una corsa a tappe matura, fa parte dello sviluppo che sta vivendo il ciclismo femminile. A fine luglio, per la prima volta dal 2009, era in programma un Tour de France femminile ed è stato un successo clamoroso, sia in termini di attenzione che di professionalità dell’organizzazione.

“Il Tour de France femminile ha rappresentato davvero una svolta per il ciclismo femminile”, afferma Van Vleuten. “Spero che il successo di questa settimana possa garantire che la Vuelta continui a crescere. E che le organizzazioni da corsa vedano che siamo pronti”.

Il Ceratizit Challenge di La Vuelta inizia mercoledì con una cronometro a squadre di 20 chilometri con partenza e arrivo a Marina de Cudeyo. La gara di ritorno sembra essere la migliore occasione per Van Vleuten di restare indietro rispetto alla concorrenza. L’escursione di giovedì è lunga 106 chilometri e ha quasi 2.200 dislivelli. I corridori devono attraversare cinque colli intorno al luogo di partenza e arrivo Colindres, ma la cima della salita finale è già a 14,5 chilometri dal traguardo. La corsa di cinque giorni si conclude domenica a Madrid, così come la Vuelta maschile.

Partecipano una ventina di donne olandesi. Il leader dell’SD Worx Demi Vollering punta alla vittoria assoluta, così come Van Vleuten.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *