Vaticano, sanzioni severe per i dipendenti che non si vaccinano contro Covid

Punizioni per i dipendenti che non sono vaccinati contro Covid. Lo ha stabilito il presidente della Pontificia Commissione di Stato Città del Vaticano, Cardinale Giuseppe Bertello. Mentre la campagna di vaccinazione gratuita continua nel Santa Sede con l’amministrazione di seconda dose previsto, già ricevuto da Papa francesco e dal Papa Emerito Benedetto XVI, il cardinale ha rilasciato a decreto che prevede sanzioni severe per i dipendenti che rifiutano di essere vaccinati. La legislazione stabilisce per “il lavoratore che, per dimostrare motivi di salute non può subire la somministrazione del vaccino “, il trasferimento” a mansioni diverse, equivalenti o, in mancanza, inferiori, garantendo la stipendio corrispondente diritti di origine “. D’altra parte, ci sono varie sanzioni per i dipendenti che, senza motivi di salute, rifiutare di essere vaccinati, il che può arrivare “fino a interruzione del rapporto di lavoro “.

Affinché il Vaticano “porti una risposta sanitaria, agite subito necessario per rispondere alla pandemia, pur avendo in mente i suoi effetti a lungo termine, è importante averne una guarigione globale e rigenerativo. “Pertanto,” si ritiene che la vaccinazione sia l’assunzione di a decisione responsabile, poiché il rifiuto del vaccino può anche costituire a rischio per altri e che un tale rifiuto potrebbe aumentare seriamente i rischi per la salute pubblica “. Per la Santa Sede” l’emergenza sanitaria deve essere affrontata per garantire la salute e il benessere dei comunità lavorativa rispettare la dignità, i diritti e le libertà fondamentali di ciascuno dei suoi membri. Le misure devono essere adottate secondo il principio di necessità, tenendo conto del rischio reale per la salute pubblica e seguendo criteri di rapidità, adeguatezza e proporzionalità “.

READ  Nel bel mezzo di una crisi di governo, Matteo Renzi vola a Riyadh per una conferenza di 20 minuti. È membro del consiglio di amministrazione di un'istituzione saudita che ha promosso l'evento

Nel decreto del cardinale Bertello si precisa inoltre che “salvo che l’atto non sia previsto dalla legge come reato, il violazioni le disposizioni relative alle emergenze di sanità pubblica sono penalizzate Pagamento sanzione amministrativa. “Violazione del divieto di raccolta è punito con una sanzione da 25 a 160 euro. Per coloro che, invece, non indossano né utilizzano dispositivi di protezione individuale come maschere c’è una penalità da 25 a 50 euro. Stessa sanzione anche per chi viola i provvedimenti del spaziatura sociale. La violazione delle prescrizioni comportamentali è sanzionata con una sanzione da 25 a 160 euro. In caso di violazione dei limiti di circolazione c’è una penalità da 80 a 160 euro. Infine, la violazione dell’isolamento fiduciario o il quarantena, che costituisce reato, è punito con una sanzione Da 200 a 1.500 euro.

Fin dal giorno prima della campagna di vaccinazione in Europa, il Papa aveva chiesto “vaccini per tutti“, “Soprattutto per il più vulnerabile e ha bisogno di tutte le regioni del pianeta “. E il Vaticano ha dato l’esempio vaccinando, con i suoi dipendenti, anche, pure alcuni poveri assistito dalla Carità Apostolica. Anche Francesco aveva contrassegnato come “rifiuto suicida “su mi rifiuto vaccino. Ma c’è una polemica che anima il giorno prima del suo viaggio a Iraq, il primo dopo la lunga pausa causata dalla pandemia, in programma dal 5 all’8 marzo vieni nonostante il confinamento creato dal Paese arabo per arginare le infezioni. Finora, infatti, il Vaticano ha deciso di vaccinare solo giornalisti chi salirà volo papale e tutti gli esperti vaticani accreditati sala stampa della Santa Sede che ogni giorno frequentano il piccolo Stato. La richiesta di vaccinazione per tutte le persone accreditate era stata da tempo avanzata in alto Dicastero per la comunicazione ma, almeno finora, senza successo.

READ  Coronavirus, più di 4.900 morti negli Stati Uniti: mai così tanti. Germania, 855 morti. Francia, medici: `` Sì a misure severe, situazione terrificante ''

Twitter: @FrancescoGrana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *