Venezuela, in un villaggio di pescatori il mare porta oro e gioielli: decine di persone scavano sulla spiaggia

Un vero tesoro – quelli delle storie dei pirati con scrigni pieni di oro, argento e pietre preziose – è approdato da chissà dove sulle rive di un villaggio di pescatori sulla costa caraibica del Venezuela, Guaca, messa in ginocchio dalla crisi economica che da tempo attanaglia il Paese proprio nel momento in cui l’immagine del futuro è stata resa ancora più oscura dall’impatto della pandemia globale di coronavirus. È una storia che va avanti da mesi, almeno da settembre, quando Yolman Lares è stato il primo a trovare un medaglione d’oro con l’immagine della Madonna. “Ho iniziato a tremare. Ho gridato di gioia “, ha detto al New York Times Lares, 25 anni, “Era la prima volta che mi accadeva qualcosa di speciale”. Ed è proprio questo il punto: perché l ‘”arrivo” dei gioielli, siccome è venuto fuori dal nulla, sembra un dono divino, o un segno del destino, per il villaggio che era una specie di isola felice ma dove per troppo tempo nessun lavoro è stato fatto, non si guadagna di più, ce la fai.

Venezuela, in un villaggio di pescatori il mare porta oro e gioielli: decine di persone scavano sulla spiaggia

Alla scoperta di Lares ne seguirono molte altre, nella vera caccia al tesoro che l’evento scatenò, con decine di persone decise a scavare, scavare, smuovere nella sabbia. Alcuni cercavano giorno e notte, dormendo in barche da pesca sulla spiaggia, che erano rimaste inattive per troppo tempo. Così oggi sono decine gli abitanti di Guaca – circa 2.000 anime in tutto – che possono dire di aver ricevuto uno di questi “doni del destino”. Per Ciro Quijada, che ha trovato un anello d’oro, c’è la mano di Dio, ne è sicuro. La maggior parte sono anelli d’oro, ma anche gioielli in argento e persino pepite. Secondo alcune opinioni raccolte, alcuni degli oggetti preziosi sono di origine e manifattura europea: Belgio, Gran Bretagna. Probabilmente commercializzato all’inizio del XX secolo. Indipendentemente da ciò, tuttavia, ora è una leggenda e un regalo per un Natale con un po ‘più di speranza.

READ  Egitto: 59 sarcofagi in legno scoperti 2.500 anni fa - Last Hour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *