Verstappen prevede problemi: “Quindi vedremo molti crash”

Verstappen prevede problemi: “Quindi vedremo molti crash”

La Formula 1 vuole che le termocoperte siano completamente fuori dallo sport a partire dal 2024. Ecco perché quest’anno ha iniziato a ridurre la temperatura massima che le coperture per pneumatici possono avere, con l’obiettivo finale che tra due anni non saranno più utilizzate. Un piano molto sconsiderato e pericoloso, secondo Max Verstappen, tra gli altri, sostenuto dai colleghi.

Questa stagione la F1 è iniziata con l’abbassamento della temperatura nelle termocoperte. Laddove l’anno scorso era consentito essere 100C davanti e 80C dietro, questo è già stato ridotto a 70C per questa stagione. Per il 2023 deve poi diminuire di altri 20°C, il che significa che scenderà a 50°C. Questo è già stato testato al GP degli Stati Uniti e sarebbe stato testato anche in Messico, secondo quanto riferito la gara che sembra essere stato rimosso e si applica il normale 70C. Nel 2024 le coperte elettriche dovrebbero scomparire del tutto.

Verstappen prevede guai

Verstappen ha già previsto “un bel drift show” quando i test andranno avanti con i 50°C max, e l’olandese prevede problemi quando i riscaldatori saranno completamente banditi dal 2024. “Penso che vedremo molti “incidenti allora. È dura Il tuo degrado delle gomme sarà molto diverso perché le tue gomme sono molto fredde, scivoli molto nei primi giri, la pressione delle tue gomme aumenterà alle stelle, quindi le tue gomme si degraderanno molto di più.

Ad Austin, il pilota della Red Bull Racing stava già avendo problemi dopo aver corso con la mescola più dura nei test con la 50C e quasi andando in testacoda nella corsia dei box. Non gli è piaciuto molto. “Al momento non lo apprezzo molto, ma molti piloti dicono la stessa cosa e ovviamente dobbiamo trovare una soluzione. Austin è sempre una pista dove puoi cambiare facilmente le gomme a causa delle curve veloci” gli spiega perché è ancora meno brutto ad Austin che altrove.

READ  Roma-Bologna 1-3, rivivi la diretta: Thiago Motta ferma De Rossi

Perché dove ad Austin hai ancora una pista adatta per ottenere rapidamente la temperatura, ci sono anche, ad esempio, i circuiti stradali più stretti dove è quasi impossibile ottenere rapidamente la temperatura delle gomme. “Se vai su un circuito come un circuito cittadino, come Monaco, puoi immaginare metà e metà condizioni, penso che ti ci vorrà metà gara prima di avere la temperatura delle gomme”, prevede Verstappen. .

Norris e Magnussen dietro Verstappen

Lando Norris è d’accordo con l’olandese e afferma anche che il circuito di Austin ha offerto “le migliori condizioni possibili” per i test da svolgere. Il britannico si aspetta anche molti incidenti quando verranno messe in atto le nuove regole. «Sì, ci saranno. Queste erano le migliori condizioni possibili per questi pneumatici: super caldo, temperatura della pista calda, alta velocità nel primo settore per portare la temperatura. E non erano simpatici. Così facile da bloccare davanti, così facile da bloccare dietro, completamente imprevedibile”, ha detto.

Guidare su altri circuiti è garanzia di problemi. “Immagina di andare su una pista molto più fredda, o è un po’ bagnata o qualcosa del genere. Tutti andranno a sbattere la macchina a un certo punto. Nessun pilota lo vuole, in linea di principio. Un’auto di Formula 1 dell’era attuale, progettata in modo così specifico con tutti l’aerodinamica e tutto ciò che non è fatto per funzionare con gomme fredde, non è come un’auto di Formula 2 o Formula 3 dove puoi semplicemente guidarla, scaricarla e fare quello che vuoi. Non funziona davvero in questo modo. Avrò discussioni su questo, tra tutti i piloti e la GPDA.

Anche Kevin Magnussen non è d’accordo con la decisione presa dalla F1 in merito ai regolamenti sulle termocoperte ed è d’accordo con entrambi i piloti. “Davvero non mi piacerebbe perché non credo che Pirelli, la FIA e la Formula 1 capiscano davvero quanto sia difficile scaldare quelle gomme anche se escono a 70°C. Ci hanno provato a 50°C ed è già molto difficile. Penso che sia perché non hanno guidato queste macchine, non capiscono”, ha detto il danese.

READ  Moviola Juve-Lazio: Massa non sbaglia, giusto revocare il rigore. Ecco perché - Corriere dello Sport

Il pilota Haas ritiene quindi pericoloso rimuovere completamente le termocoperte. “Penso che ci sia un problema di sicurezza. È un carico molto elevato su queste auto a causa del carico aerodinamico, quindi la gomma deve essere abbastanza rigida, quindi quando fa freddo è dura, tutto come il ghiaccio. Sulle auto sportive penso che la gomma abbia un range di lavoro più basso ed è morbido, quindi quando fa freddo è facilissimo da riscaldare. A 50°C qui è un grosso problema. Quindi niente termocoperte, un grosso problema.

Bottas arriva con un attento contro-sound

Valtteri Bottas è in parte d’accordo con l’aggiustamento che la F1 vuole fare, ma crede che dovrebbe essere fatto solo quando le gomme sono in grado di gestirlo, cosa che non è certo il caso in questo momento, secondo il finlandese. “Ora, se ti fermi ai box con una gomma dura senza coperture, su una pista come questa, è decisamente molto rischioso e quasi un pericolo per la sicurezza”, ha detto in Messico. “O su un circuito cittadino con pneumatici completamente freddi, perché a quella temperatura la gomma sembra più plastica”.

Quindi, quando si fa un aggiustamento al pneumatico, forse è possibile di più secondo il pilota dell’Alfa Romeo. “Se il battistrada cambia e se si adatta a correre in un range molto più basso, perché no”, è positivo, aggiungendo che le gomme non sono sicuramente pronte a questo punto. “In questo momento, e la gomma che abbiamo provato ad Austin, non poteva sopportare la copertura 50C, era davvero, davvero, molto scivolosa all’inizio. Ed era Austin e faceva caldo. Quindi su alcuni circuiti, sarebbe essere già un problema.

READ  Bollettini Fiorentina-Inter, CdS: "Solo uno fallito. Hakimi ..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *