Vinícius colpisce alla Liga: ‘La competizione che una volta apparteneva a Ronaldo e Messi ora appartiene al razzista’ |  calcio straniero

Vinícius colpisce alla Liga: ‘La competizione che una volta apparteneva a Ronaldo e Messi ora appartiene al razzista’ | calcio straniero

Vinícius colpisce alla Liga: ‘La competizione che una volta apparteneva a Ronaldo e Messi ora appartiene al razzista’ |  calcio straniero

Con sommarioIeri sera il Valencia ha vinto 1-0 contro il Real Madrid, ma la partita al Mestalla avrà senza dubbio una coda. Dal 72esimo al 104esimo minuto non c’è stato quasi calcio, ma ci sono stati molti disordini, falli, cartellini e rabbia a causa del razzismo dagli spalti nei confronti di Vinícius Júnior, che alla fine ha ricevuto un cartellino rosso. “I razzisti hanno vinto, congratulazioni”, ha detto il 22enne brasiliano del Real Madrid.

Probabilmente si parlerà poco di calcio in Spagna e nel resto del mondo nei prossimi giorni dopo il duello al Mestalla, il magnifico stadio del Valencia che ha resistito esattamente per cento anni. Negli ultimi quaranta minuti non c’è stato quasi nessun calcio, ei tempi supplementari sono stati non meno di quattordici minuti.

Leggi anche
• Il Real è stufo del razzismo: “Il problema non è Vinícius, il problema è il calcio spagnolo”

Tutto è andato storto al 72′. Il brasiliano Vinícius Júnior ha portato il pubblico del Valencia dietro la porta sul tetto dopo una rissa in area di rigore. Il 22enne brasiliano ha chiarito all’arbitro che c’era razzismo sugli spalti, ma non è stata intrapresa alcuna azione. L’attaccante si è diretto verso l’area dietro la porta del Valencia e ha indicato i colpevoli all’arbitro Ricardo de Burgos, ma l’arbitro spagnolo non aveva intenzione di colpire.

Il podcast sul calcio parla anche di razzismo in Spagna



Non è ancora chiaro se gli autori siano stati arrestati dagli steward e dalla polizia sugli spalti. Alcuni oggetti erano già stati gettati a terra in precedenza. Migliaia di fan hanno cantato spudoratamente “Mono” (scimmia) a Vinícius durante la partita, ma la partita non è stata interrotta.

Ancelotti riesce a calmare Vinicius per un po’. Nel resto, con più di un quarto d’ora di recupero, il Real non è riuscito a forzare il pareggio. Durante questo periodo di inattività, è diventato di nuovo ostile in campo, con una grande rissa tra giocatori di entrambe le squadre. Il portiere georgiano Giorgi Mamardashvili ha sfidato Vinícius Júnior.

READ  Vettel: "Non rimpiangerò mai i miei anni alla Ferrari" - F1 Piloti - Formula 1

Il brasiliano, afferrato per il collo durante la lite, ha preso a calci un giocatore del Valencia ed è dovuto uscire con un cartellino rosso al 97′. Vinícius ha reagito con un cinico applauso all’arbitro. Rubén Baraja è diventato il vincitore della partita al Mestalla dopo un assist di Justin Kluivert.

Vinícius Júnior si è trasferito dal Flamengo al Real Madrid nel giorno del suo diciottesimo compleanno. Negli ultimi due anni è diventato una delle forze trainanti del Real Madrid con le sue capacità di segnare gol e dribbling, ma il brasiliano non piace molto ai tifosi di altri club spagnoli.

Vinicio Junior.
Vinicio Junior. ©AFP

Ha regolarmente a che fare con il razzismo sugli spalti, all’inizio di questa stagione migliaia di tifosi dell’Atlético Madrid lo hanno preso di mira durante il derby cittadino di Madrid. Vinícius ha ricevuto il suo primo cartellino rosso della stagione questa sera, ma ha ricevuto anche dieci cartellini gialli. In Champions League ha ricevuto un solo cartellino giallo in questa stagione.

Successivamente, Ancelotti ha parlato della vergogna delle scene del Mestalla. “Non voglio parlare di calcio, voglio parlare di quello che è successo qui. È molto più importante. Se un giocatore viene rimproverato e un allenatore deve pensare a toglierlo dal campo, qualcosa non va andare in un campionato. La Liga ha un grosso problema. Il razzismo significa che devi fermare il gioco immediatamente. Se un intero stadio chiama qualcuno una scimmia, devi fermare il gioco. L’ho detto all’arbitro. , ma lui non era d’accordo. Noi siamo nel 2023, non è davvero più possibile.

Qui il riassunto di Valencia-Real Madrid

Vinícius ha risposto via Instagram a tutti gli incidenti al Mestalla un’ora dopo la partita. “I razzisti hanno vinto il loro premio. Ho ricevuto il mio cartellino rosso, congratulazioni. Non è il calcio, è la Liga”, ha scritto il brasiliano, prendendo in giro lo slogan del campionato spagnolo.

READ  L'Atalanta gioca, la Juve segna e vince la Coppa Italia. La fortuna aiuta Pirlo, ma senza i campioni sarà una stagione da perdere | Prima pagina

Ha continuato spiegando gli eventi di stasera a Valencia tramite Twitter. “Non era la prima volta, non la seconda volta, non la terza volta. Il razzismo è normale nella Liga. La concorrenza pensa che sia normale, il sindacato e gli avversari lo incoraggiano addirittura. Il campionato che un tempo apparteneva a Ronaldinho, Ronaldo, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi ora appartiene ai razzisti. Un Paese bellissimo che mi ha accolto e che amo, ma anche il Paese che ha accettato di esportare nel mondo l’immagine di un Paese razzista. Mi dispiace per gli spagnoli che non sono d’accordo, ma oggi la Spagna è conosciuta in Brasile come un paese di razzisti. Ma sono forte e continuerò a lottare contro i razzisti, anche se sarà una lotta dura”.

Anche il boss della Liga Javier Tebas ha risposto su Twitter al nuovo minimo in Spagna. Non era in disaccordo con Vinicius, ma ha detto che il campionato spagnolo era legalmente vincolato. Fermare le partite o svuotare gli spalti non è una cosa facile da fare nella Liga. “Abbiamo cercato di spiegartelo su tua richiesta. Abbiamo organizzato due incontri, ma tu non ti sei presentato a entrambi”, ha detto direttamente Tebas a Vinícius.

In pochi minuti, Vinícius ha risposto di nuovo a Tebas: ,, Invece di criticare i razzisti, il presidente della Liga mi sta attaccando… Non sono tuo amico per parlare di razzismo. Voglio azioni e punizioni.


Justin Kluivert: “Chiedo scusa a nome di tutto il club”

Justin Kluivert è stato anche interrogato più tardi nella sua intervista per la TV spagnola su cosa stesse succedendo sugli spalti. “Non dovrebbe mai succedere, perché è davvero brutto. Non mi piace affatto. Mi scuso a nome di tutto il club, perché non ha davvero nulla a che fare con il calcio. muy malo“, ha deciso il 24enne attaccante di Amsterdam.

READ  L'FC Groningen dubita della politica della KNVB: il lanciatore di birra ottiene solo la squalifica dallo stadio | Calcio

Dall’Inghilterra, anche l’ex difensore superiore Rio Ferdinand ha visto con orrore il filmato di Mestalla. ,,Chi protegge Vinicio? Vedo dolore, vedo disgusto, vedo un ragazzo che ha bisogno di aiuto. La gente deve mobilitarsi e chiedere di più alle federazioni che organizzano questo sport”, scrive Ferdinand, chiamando a raccolta giocatori come Paul Pogba, Neymar, Marcus Rashford, Bukayo Saka, Jude Bellingham, Zlatan Ibrahimovic, Memphis Depay, Erling Haaland e Jack Grealish.

Il Valencia ha rilasciato una dichiarazione sul sito web del club due ore dopo la partita. “Sebbene si tratti di un incidente isolato, gli insulti contro un giocatore della squadra rivale non hanno posto nel calcio e non sono in linea con i valori e l’identità del Valencia. Il club indaga su quanto accaduto e prenderà le misure più severe. “

Programma, risultati e posizione La Liga
Nel nostro match center puoi vedere il programma completo del prossimo turno del campionato spagnolo, la classifica e tutti i risultati delle partite giocate. Di seguito puoi vedere tutti i video della Liga.


Tutti i video della Liga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *