Il contadino Peter lo fa con vermi, funghi e batteri: “Piscio e cacca danno ammoniaca”

Il contadino Peter lo fa con vermi, funghi e batteri: “Piscio e cacca danno ammoniaca”

Come trovare un terreno sano e ricco di sostanze nutritive, con il minor numero possibile di pesticidi chimici? L’agricoltore Peter Appelman di Stompetoren giura per l’agricoltura rigenerativa. Arricchisce i suoi campi con compost e letame fresco. “Stiamo prendendo la conoscenza dai nostri nonni. Se metto le dita nel terreno qui, mi imbatterò in dieci vermi.”

Notizie NH / Maaike Polder

Un gran numero di scuole verdi stanno ora partecipando alla passeggiata in carriola in occasione della “Giornata della Biodiversità”. I cittadini e gli agricoltori attirano quindi l’attenzione su un substrato migliore. L’uso eccessivo di terra e pesticidi chimici non solo impoverisce il suolo, ma porta anche a un impoverimento di vitamine e minerali nella nostra dieta.

Un gruppo di studenti di Vonk Veehouderij en Akkerbouw sta visitando oggi l’azienda di famiglia dell’agricoltore Peter de Stompetoren. Insieme coltivano broccoli, cavoli rossi e bianchi. Evitano il più possibile i pesticidi chimici, spiega.

“Sappiamo che ci sono meno sostanze nutritive nei nostri attuali ortaggi. Ecco perché dobbiamo arricchire il terreno con fertilizzanti organici invece che chimici. Dopo la raccolta, seminiamo il terreno con materia organica. Cerco di spiegare ai giovani che questo è un modo diverso di coltivare, e dobbiamo provarci”.

“Misurare è conoscere”

L’agricoltura rigenerativa si concentra sul miglioramento del suolo. Anche il suolo ha bisogno di riposo. Questo può essere fatto, ad esempio, seminando grano o erba. “La coltivazione troppo intensiva ogni anno non è possibile. Ora pianterò erbe aromatiche tra i raccolti di cavolo, perché più diversità c’è, più vita c’è. La materia organica (compost) non si converte, per questo abbiamo bisogno di vermi, funghi e batteri. . Misurare è sapere, motivo per cui preleviamo regolarmente campioni: i risultati sono significativi”.

READ  L'atterraggio dell'astronave SN9 è fallito, un'altra finale col botto!

“Alla Scuola Nazionale di Agraria abbiamo imparato che dovevamo applicare più azoto, il che faceva bene alle nostre colture”

Il coltivatore di ortaggi Peter Appelman di Stompetoren (Alkmaar)
Notizie NH / Maaike Polder

Secondo Peter, molti agricoltori vorrebbero contribuire a un’alimentazione più sana ea una natura più pulita, ma questo ha un prezzo elevato.

Maleducato

“Abbiamo appreso dai funzionari della National Agricultural School che si dovrebbe applicare più azoto, il che è positivo per i nostri raccolti. Siamo stati educati completamente nell’errore. Non lavorando con la natura, ma contro natura. .”

I problemi sono ora principalmente attribuiti all’agricoltore, ma la società nel suo complesso contribuisce alle elevate emissioni di azoto. “Piscia e cacca danno ammoniaca. La stessa cosa che espellono queste mucche, la espelliamo anche noi nella toilette. La popolazione è inquinante quanto le mucche. Il nostro bel paese, dobbiamo prendercene cura tutti.”

Notizie NH / Maaike Polder

Ed è per questo che la società nel suo insieme deve effettuare la transizione, afferma Peter. “Non possiamo costringere le persone a comprare prodotti biologici, ma dobbiamo solo pagare di più per cibo più sano. E smettere di buttare via la plastica con i rifiuti organici. Un contadino può usare l’erba dal ciglio della strada, ma se è disseminata di rifiuti di McDonald’s , non posso farci niente.”

“Intimidire i contadini”

Il governo svolge un ruolo indispensabile in questa transizione. “La fertilizzazione organica, le feci di mucche e umani, ora viene bruciata per generare energia. È un vero peccato”, dice Peter. “Ci sono parecchi ostacoli da superare per migliorare le emissioni di azoto e il suolo, ma il governo deve darci le opportunità. Facendo il prepotente con questi pochi agricoltori, non ci arriveremo”.

READ  Ecco la cometa che si ferma vicino a Giove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *