Vinícius ignora anche le critiche ai balli in Brasile: ‘Spero che possiamo fare di più’ | Coppa del mondo di calcio

A Vinícius Júnior non interessano le critiche ricevute dai brasiliani per le danze con cui hanno festeggiato i loro gol nella partita degli ottavi di finale contro la Corea del Sud (4-1) di lunedì. L’attaccante del Real Madrid sottolinea che le ‘Divine Canarie’ non cambieranno nulla ai Mondiali.

“Alla gente piace lamentarsi quando vede gli altri felici. E noi brasiliani siamo sempre molto felici”. disse Vinícius, 22 anni, mercoledì durante un momento stampa. “Segnare un gol è la cosa più importante nel calcio. Ai Mondiali ci rende molto felici come giocatori e come nazione”.

Il Brasile è stato un fuoriclasse contro la Corea del Sud nel primo tempo ed era già in vantaggio per 4-0 dopo 36 minuti. Ogni successo è stato celebrato con un ballo di accompagnamento. Dopo il 3-0, ai festeggiamenti ha preso parte anche il Ct della nazionale Tite e il signore delle scelte ha preso parte al cosiddetto danza del piccione.

Non a tutti sono piaciuti i balli. L’ex professionista Roy Keane, analista di ITV, tra gli altri, ha ritenuto che fosse una mancanza di rispetto nei confronti dell’avversario. Tite ha detto dopo la partita contro la Corea del Sud che i balli sono puramente un’espressione di gioia. “Voglio parlare la lingua dei giovani giocatori. E la loro lingua è la danza”.

Vinícius, che ha segnato una volta contro la Corea del Sud, non è turbato dalle critiche, così come i suoi compagni di squadra. “Abbiamo in mente altre azioni celebrative. Speriamo di poter eseguire molti più balli e raggiungere la finale in questo modo”.

READ  Il team di Formula 1 Red Bull sospende il pilota Jüri Vips per commenti razzisti

Il quarto di finale tra il Brasile e la Croazia, seconda al mondo, inizia venerdì alle 16:00 (ora olandese). Il vincitore affronterà la nazionale olandese o l’Argentina in semifinale. Questo gioco è programmato per le 20:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *