Wiggert salva la foresta pluviale comprandola: “Troppo pazzo per le parole”

Comprare e regalare foresta pluviale? Sembra strano, ma è possibile. Wiggert lo comprerà da un proprietario di un ristorante in Brasile che lo ha sentito parlare del suo piano. Fortuna? “Non ci credo. Doveva essere così”, ha detto. La donna aveva bisogno di soldi e voleva lasciare la terra. Doveva costare 25.000 euro.

Quaranta giorni con la tribù

Questi soldi erano così vicini. La sua fondazione per salvare l’Amazzonia ha raccolto 40.000 euro per il piano in due settimane. Ma dopo averlo acquistato, Wiggert restituisce immediatamente il terreno.

Wiggert lo regala a vecchie conoscenze. Conoscenti con cui ha trascorso un momento privilegiato nel 2016. A causa di un esaurimento, l’imprenditore ha deciso di vivere con la tribù per quaranta giorni. Lì prese parte ad un antico rituale: purificare l’anima assumendo la bevanda a base di erbe Ayahuasca.

105 campi da calcio

Egli ha scritto un libro su la saggezza che ha imparato lì. Ora sta utilizzando parte del ricavato del libro per acquistare l’area della foresta pluviale adiacente all’habitat della stessa tribù. Si tratta di 105 campi da calcio nella fitta giungla ad Acri, il punto più occidentale del Brasile al confine con il Perù.

Wiggert è sorpreso dalle numerose donazioni che ammontano a 5000 euro. Molte donazioni provengono dai lettori del suo libro. “Si sentono legati al luogo e alla tribù”.

105 campi da calcio di natura incontaminata sembrano tanti, ma ha senso? Wiggert non deve pensarci per un secondo. “Non posso salvare il mondo, ma posso salvare un pezzo di Brasile. Spero che possa iniziare una reazione a catena”.

READ  Tessera verde obbligatoria, Bianchi: piano di screening per tutta la popolazione scolastica

Wiggert pensa che sia “pazze di parole” che deve ricomprare la foresta pluviale alla gente. Eppure ha deciso di giocare sul sistema invece di combatterlo. “Sono un imprenditore e ho visto che era il modo più veloce per aiutare le tribù in Brasile”.

“Ho solo bisogno di qualcosa”

Wiggert riacquista la terra per i proprietari originali. “È così che allargo il loro cortile.” In caso contrario, ci sono due possibili risultati: qualcun altro con intenzioni sconosciute lo compra, o non lo vende, e gli invasori distruggono la ricca fauna selvatica attraverso il disboscamento illegale e il bracconaggio.

Wiggert non vede opzione migliore che restituire la terra alle tribù native. “Sanno meglio di chiunque altro come prendersi cura della foresta, quali specie animali vivono lì e come la natura dovrebbe essere ripristinata”. Il problema è ovviamente tutt’altro che risolto dopo la sua azione. “Ma ho solo bisogno di qualcosa.”

Più recentemente, il giornalista britannico Dom Philips e la sua guida Bruno Pareira sono stati assassinati nella Javari Valley. È appena sopra la terra che Wiggert comprerà. “Sono rimasto scioccato, se ci metti il ​​righello accanto, in realtà è a 1 centimetro di distanza.” Questo non ha cambiato l’opinione di Wiggert. “Anche se i miei colleghi brasiliani che sono venuti per la vendita hanno ricevuto minacce”.

La natura e le popolazioni indigene sono un obiettivo da anni

Nell’Amazzonia brasiliana, la natura e la popolazione indigena sono obiettivi da anni. La cifra è aumentata notevolmente da quando il presidente di estrema destra Bolsonaro è entrato in carica nel 2019. Ad esempio, la deforestazione in Amazzonia è stata la più alta degli ultimi 15 anni l’anno scorso. Wiggert: “Il presidente ha anche chiarito che le tribù native non devono fare affidamento su un pollice in più di terra”.

READ  Nigeria, venerdì 279 delle 317 ragazze rapite dai commando armati sono state rilasciate. Presidente: "Riscatto pagato, decisione pericolosa"

Di recente, il presidente ha firmato un ordine esecutivo per rafforzare la protezione dell’Amazzonia. Tuttavia, nulla sembra essere cambiato. Nei primi mesi di quest’anno sono stati nuovamente battuti record di deforestazione nell’Amazzonia brasiliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.