Zelensky licenzia altri 30 impiegati dei servizi segreti ucraini |  ADESSO

Zelensky licenzia altri 30 impiegati dei servizi segreti ucraini | ADESSO

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky interviene quindi con i servizi segreti ucraini SBU. Dopo aver licenziato il capo domenica, ha annunciato il giorno successivo le dimissioni di quasi trenta dipendenti.

Nel suo videomessaggio quotidiano sull’invasione russa, il presidente ha parlato di risultati “insoddisfacenti”. Ha annunciato che tutte le attività della SBU sarebbero state riviste. Zelensky aveva precedentemente espresso il suo fastidio per il fatto che sessanta servizi segreti e altri dipendenti fossero stati lasciati nel territorio occupato dalla Russia. Il governo di Kiev considera questo un alto tradimento.

Il provvedimento contro il capo della Sbu Ivan Bakanov, amico d’infanzia di Zelensky, ha suscitato scalpore, così come quello contro il procuratore generale Iryna Venediktova. Funzionari della giustizia lavoreranno anche con le forze di occupazione. I due sono stati sospesi mentre la loro relazione è indagata.

Bakanov è a capo dei servizi segreti dal 2019, ma da capo inesperto avrebbe avuto poca autorità. Venediktova sta indagando su migliaia di presunti crimini di guerra russi. Di recente è stata all’Aia per una conferenza sul perseguimento dei crimini di guerra commessi in Ucraina.

READ  Le preoccupazioni per la sicurezza oscurano il "Giorno della vittoria" della Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *