Diede Lemey, miglior portiere della Serie A: ‘Ho già detto che l’Italia si può sicuramente raggiungere’ |  Campionato europeo di calcio femminile 2022

Diede Lemey, miglior portiere della Serie A: ‘Ho già detto che l’Italia si può sicuramente raggiungere’ | Campionato europeo di calcio femminile 2022

L’Italia sarà la partita più importante di tutti i tempi per i Red Flames e informazioni aggiuntive sull’avversario sono sempre ben accette. Potrebbe arrivare da Davina Philtjens e Diede Lemey, compagni di squadra al Sassuolo negli ultimi anni. “Ho già detto che l’Italia può sicuramente averlo, dobbiamo crederci”.

Con Maria Luisa Filangeri, la selezione italiana ha un giocatore del Sassuolo, pochi altri hanno una storia con questo club e Diede Lemey li conosce bene.

“Dopo la Francia, ho chiesto come stavano. Dire che sono stati colpiti è un eufemismo. Non si aspettavano che arrivasse. Hanno anche detto di aver gestito male il gioco. Ma ovviamente tocca a loro imparare lì”. Sparare.”

“A volte si tratta anche di calcio e tornei, ma ovviamente senza informazioni privilegiate”, ride Lemey, che dopo cinque anni alla De Laars ha buoni rapporti con l’Italia. “È bello incontrare questo Paese in un torneo e poi in un momento così importante. Non vedo l’ora di esserci!”

L’approfondimento dell’avversario arriva dal personale. “Ma ho già detto che l’Italia può sicuramente prenderla, dobbiamo crederci. Loro hanno delle qualità, ma dobbiamo fare affidamento sulle nostre. Penso che stiamo andando avanti nel torneo”.

Stress sul divano

Diede Lemey è stato votato miglior portiere della Serie A la scorsa stagione, ma deve cedere il passo a Nicky Evrard ai Flames. Come ha vissuto il torneo finora?

“Molto intenso e con tante emozioni. Forse anche più che da giocatore, perché sul divano è più stressante perché lo vivi in ​​modo così diverso”.

E come gestisce il suo ruolo di duplicazione? “L’obiettivo è arrivare ai quarti di finale. Ognuno è importante e ognuno deve fare il proprio lavoro. Devi mettere da parte il tuo ‘io’ per la squadra, soprattutto in un torneo come questo”.

Naturalmente, Lemey spera che un giorno arrivi la sua occasione. “Continuerò a lavorare sodo per questo. Mentirei se dicessi che sono contento del secondo posto”.

Devi mettere da parte il tuo “io” per la squadra, specialmente in un torneo come questo.

Diede Lemey

Vivi come un professionista in Italia

Lemey scambierà la Serie A con l’Eredivisie questa estate, dove giocherà per il Fortuna Sittard. Dà un’ultima occhiata all’Italia e alla concorrenza lì.

“Il livello è più alto che in Belgio. Molti giocatori vivevano già da professionisti e la prossima stagione introdurranno ufficialmente anche lo status di professionista, con tutte le tasse e altri benefici”.

“È un passo fantastico che hanno fatto, dopo molte pressioni. Ci hanno lavorato per 5 anni, club grandi e piccoli con i giocatori. È così che agiscono e puoi vedere sul campo, che i giocatori non hanno altri obblighi, tranne alcuni che stanno ancora studiando. Dobbiamo impegnarci per farlo anche in Belgio”.

Poco prima dell’Europeo, Lemey ha salutato il Sassuolo (leggi di più sotto il post).

Grazie mille

Lemey sarà anche professionista nei Paesi Bassi al Fortuna. In termini di sport o attrezzatura, non voleva arrendersi. “Sono in contatto con il club da molto tempo e sono pronto per questa nuova sfida. È bello rivedere tanti Red Flames, certo, ma prima di tutto ho fatto per me la scelta sportiva. “

Dall’Italia porta con sé solo bei ricordi. “A proposito, è stato grazie alla nazionale che sono finito lì. La mia seconda partita con il Belgio (e la prima intera) è stata nella Coppa di Cipro 2017 contro l’Italia. Abbiamo vinto 1-4 ed è così che ho decorato il mio trasferirsi lì, ride Lemey.

“Ci ho passato cinque anni fantastici e sono cresciuto come persona e come calciatore. Anche la strada che percorri, ma soprattutto chi incontri e cosa porti con te, è molto importante. E da questi 5 anni prendo L’Italia molto con me per il resto della mia vita”.

READ  I 18 borghi più belli del sud Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *