Home / Artisti e gruppi / Delirium

Delirium

Delirium - band 2015

I Delirium si formano a Genova nel 1970, anno in cui Ivano Fossati (dopo un breve trascorso nei Gleemen) si unisce ai Sagittari, gruppo beat che comprende Ettore Vigo (tastiere, voce), Mimmo Di Martino (chitarra, voce), Marcello Reale (basso, voce) e Peppino Di Santo (batteria). I Sagittari incidono alcuni singoli ma con l’arrivo di Fossati cambiano nome, genere musicale e firmano un nuovo contratto con la Fonit Cetra, sostenuti dal chitarrista dei New Trolls, Nico Di Palo, che firma con Fossati “Canto di Osanna”, brano col quale la band vince il 1° Festival d’Avanguardia e Nuove Tendenze di Viareggio e il cui relativo 45 giri prelude alla lavorazione del primo album. Nello stesso anno il gruppo vince anche il concorso rock di Radio Montecarlo.

Nell’estate del 1971, dopo la partecipazione al Festival Pop di Palermo, la band inizia la lavorazione del 33 giri d’esordio, di cui vengono forniti due possibili titoli: “Dall’Osanna… all’Iesael” e “Dal delirio… all’Iesael”. Entrambe le opzioni lasciano intendere che il brano di punta, “Jesahel”, fosse originariamente destinato a far parte dell’album. Quando, però, nel novembre del 1971 il disco viene pubblicato col titolo “Dolce Acqua”, la tracklist non include né “Canto di Osanna” né “Jesahel”, quest’ultimo rimasto inedito per poter prendere parte al Festival di Sanremo. L’album contiene una buona ed originale miscela di prog, jazz e pop melodico, nella quale si evidenzia il ruolo di leader del cantante Ivano Fossati, i cui furiosi assolo di flauto diventano uno degli elementi distintivi della musica del gruppo. L’album, contenuto in una bella copertina apribile in tre parti, è strutturato in vari movimenti come una suite classica.

Nel febbraio del 1972, a poco più di due mesi dall’uscita dell’album, i Delirium fanno la loro memorabile apparizione televisiva al Festival di Sanremo con “Jesahel”, il loro più grande successo, seguito subito dal singolo “Haum!”.

Verso la metà del 1972, però, Fossati è costretto a lasciare il gruppo per adempiere agli obblighi del servizio di leva, cui segue una carriera solistica che prosegue con successo ancora oggi, con uno stile più leggero, ma sempre pieno di riferimenti al jazz ed influenze etniche.

A sostituire Fossati arriva il flautista e sassofonista inglese Martin Frederick Grice (dei Boomerang), col quale la band pubblica sul finire del 1972 il secondo album, “Lo scemo e il villaggio”. L’opera presenta ancora influenze jazz ed un forte uso del sax di Grice, ma mostra anche l’evidente mancanza di un cantante di ruolo, con tutti i musicisti che a turno si avvicendano alla voce. Il brano “La mia pazzia” è quello che più si avvicina allo stile del primo album.

Il terzo album arriva nel 1974 e si intitola “Delirium III – Viaggio negli arcipelaghi del tempo”. La trama alla base del lavoro, ampiamente spiegata all’interno della copertina, parla di un uomo alla disperata ricerca di sé stesso. Da gran parte della critica il disco viene giudicato come il lavoro più maturo dell’intera produzione. “La battaglia degli eterni piani” contiene un’atmosfera di ispirazione dark mai sentita prima, ed il flauto ha di nuovo un ruolo prominente, mentre il sax è presente solo in “Viaggio n.2”. Questo è anche il primo album a contenere la chitarra elettrica, visto che Mimmo Di Martino nei precedenti lavori aveva suonato solo l’acustica.

Il gruppo ormai giunto al capolinea, anche a causa dello scarso interesse mostrato dai media, dopo alcuni singoli commerciali nel 1974-75, l’ultimo dei quali con il nuovo cantante/tastierista Rino Dimopoli al posto di Grice, arriva a sciogliersi.

Nel 1996 tre dei componenti della band decidono di pubblicare il disco “Jesahel, una storia lunga vent’anni”. Nel 2001 Ettore Vigo, Pino Di Santo e Martin Grice riprendono l’attività del gruppo, riproponendo le soluzioni progressive che avevano caratterizzato gli anni d’oro.

All’inizio del 2007 la nuova formazione comprendente i componenti originari Ettore Vigo, Peppino Di Santo e Martin Grice ed i nuovi entrati Roberto Solinas (voce, chitarra elettrica, chitarra acustica) e Fabio Chighini (basso, voce) realizza il CD “Live – Vibrazioni notturne”, live album pubblicato anche come doppio LP, per l’etichetta Black Widow, un ottimo ritorno alle scene per questo eccellente gruppo di prog italiano. Il disco contiene brani dagli LP e alcuni dei 45 giri del gruppo, oltre ad un inedito, “Notte a Baghdad”, e due cover, e dimostra l’ottima forma dei rinati Delirium.

Nel 2009 viene pubblicato il quarto album in studio della band, “Il nome del vento”, realizzato con la partecipazione di alcuni ospiti, tra cui l’ex chitarrista della prima formazione, Mimmo Di Martino, mentre dal vivo la formazione comprende nuovamente il polistrumentista Rino Dimopoli. L’album, comprendente tutte nuove composizioni ad eccezione di una citazione di “Theme One” dei Van der Graaf Generator e di “Dio del Silenzio” da “Delirium III”, è piacevole e ben suonato con sonorità non particolarmente dure.

La carriera dei Delirium viene celebrata nel 2010 con l’uscita di un DVD retrospettivo, “Il viaggio continua: La storia 1970-2010”, contenente un concerto tenuto a Genova del 2008 (presente anche nel CD aggiuntivo) e la serie completa dei filmati televisivi RAI trasmessi dal 1971 al 1975. Nell’estate 2012 il batterista Pino Di Santo viene sostituito da Alfredo Vandresi, già batterista di Shel Shapiro.

Il 16 maggio 2014, presso la Fiera Internazionale della Musica a Genova, la band ritira il FIM Award Premio Italia alla carriera assegnato da CAPAM, Commissione Artistica per la Promozione dell’Arte e della Musica e consegnato da Verdiano Vera, patron della manifestazione. Durante l’evento i Delirium interpretano i loro più grandi successi di fronte ad un folto pubblico che li acclama.

Nello stesso anno si registrano due nuovi ingressi: Michele Cusato alla chitarra elettrica e Alessandro Corvaglia (de La Maschera di Cera) alla voce. Con la nuova formazione i Delirium realizzano “L’Era della Menzogna“, quinto album in studio che viene pubblicato dalla Black Widow Records nel maggio 2015.

Per maggiori info: www.deliriumband.it

Formazione:

Ettore Vigo: tastiere, voce (1970-1975, 2001-presente)

Martin Grice: flauto, sax, tastiere, voce (1972-presente)

Fabio Chignini: basso, ukulele, cori (2001-presente)

Alfredo Vandresi: batteria, percussioni, synth (2012-presente)

Alessandro Corvaglia: voce (2014-presente)

Michele Cusato: chitarra elettrica (2014-presente)

Ex membri e collaboratori:

Ivano Fossati: voce, flauto, chitarra acustica (1970-1972)

Mimmo Di Martino: chitarra, voce (1970-1974, 2008-2013)

Marcello Reale: basso, voce (1970-1975)

Peppino Di Santo: batteria, percussioni, voce (1970-2012)

Rino Dimopoli: chitarra, tastiere, voce (1975)

Roberto Solinas: chitarra elettrica, chitarra acustica, voce (2001-presente)

Mauro La Luce: paroliere (1972-2015)

Discografia:

Album

1971 – Dolce Acqua (Fonit Cetra LPX 11)

1972 – Lo scemo e il villaggio (Fonit Cetra LPX 18)

1974 – Delirium III – Viaggio negli arcipelaghi del tempo (Fonit Cetra LPX 29)

2009 – Il nome del vento (Black Widow Records, BWR 113, LP/CD)

2015 – L’Era della Menzogna (Black Widow Records, BWRCD 180-2)

45 giri

1971 – Canto di Osanna/Deliriana (Fonit Cetra SPF 31284)

1972 – Jesahel/King’s Road (Fonit Cetra SPF 31293)

1972 – Haum!/Movimento II: Dubbio (Fonit Cetra SPF 31295)

1972 – Dolce acqua/Favola o storia del lago di Kriss (Fonit Cetra SPF 31297)

1972 – Treno/È l’ora (Fonit Cetra SPF 31300)

1974 – Leôa de laôa/Pane vero vino puro (Aguamanda AG 9002)

1975 – Jill/Live Love And Be Free (Aguamanda AG 9007)

1975 – Cowboy/Corri bambino (Fonit Cetra SPB 36)

1975 – Signore/Buana, The Rainbow (Fonit Cetra SPF 31313)

Raccolte

1996 – Jesahel: Una Storia Lunga Vent’anni (NAR International)

2010 – Il viaggio continua: la storia 1970-2010 (Black Widow Records, BWR 127, CD/DVD)

Live

2007 – Live – Vibrazioni notturne (Black Widow Records, 2LP/CD)

2011 – One Night in Genoa (Black Widow Records, CD)

Fotogallery

  • Delirium
  • Delirium
  • Delirium
  • Delirium
  • Delirium
  • Delirium
  • Delirium

Check Also

Paidarion - band 2016

Paidarion

Paidarion è un progetto nato nel marzo 2006 dall’incontro tra Kimmo Pörsti (The Samurai of …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *