30 anni di carcere per R. Kelly, 26 anni dopo la prima accusa di abuso

AFP

Notizie ONSModificato

R. Kelly è stato condannato a 30 anni di carcere. L’anno scorso, la cantante R&B è stata condannata per violenza sessuale. Ha usato la sua fama e il suo status per sedurre e costringere le giovani vittime, a volte minorenni, ad atti sessuali.

Dopo oltre 25 anni di voci e accuse, questa è la prima punizione per l’artista. Il processo a New York è visto come un’importante conseguenza del movimento #MeToo.

Il cantante 55enne è stato citato in giudizio da diverse giovani donne e due uomini. Alcuni erano minorenni al momento dell’abuso. Le vittime hanno raccontato come il cantante li teneva a casa sua e imponeva loro regole rigide: ad esempio potevano mangiare o andare in bagno solo con il suo permesso.

Altre cause

Kelly è diventata famosa negli anni ’90 con successi come Credo di poter volare e Se potessi far tornare indietro le lancette del tempo† Lui stesso nega tutte le accuse. Ci sono anche cause contro il cantante negli stati dell’Illinois e del Minnesota. Dovrà comparire in tribunale più tardi.

Robert Sylvester Kelly, come è il suo nome completo, ha venduto decine di milioni di album e singoli nel corso della sua carriera. Dagli anni ’90, diverse donne lo hanno accusato di abusi sessuali.

Ero una giovane ragazza nera. A chi importava?

Tiffany Hawkins, ha citato in giudizio R. Kelly per abusi sessuali già nel 1996

Ha sposato la cantante Aaliyah, allora 15enne, nel 1994. Il suo documento d’identità mostrava che aveva già 18 anni. Secondo il suo ex tour manager, Kelly ha corrotto un funzionario del governo per organizzare il documento d’identità falso di Aaliyah. Curiosamente, il titolo del primo album della cantante, prodotto da Kelly, era L’età è solo un numero† Il matrimonio è stato annullato dopo un anno.

READ  The Paradise of the Ladies 5 25-29 gennaio 2021: anteprime

È stato accusato per la prima volta di violenza sessuale nel 1996. La cantante Tiffany Hawkins ha detto di aver fatto sesso con Kelly da quando aveva 15 anni. Il suo avvocato alla fine si è accordato con Hawkins e il caso è fallito. Anni dopo, nel 2019, Hawkins ha detto che se ne era pentito. “Ma”, disse, “ero una giovane ragazza di colore. A chi importava?”

culto del sesso

Questa prima accusa si è rivelata solo la punta dell’iceberg. Tra il 2001 e il 2004, Kelly è stata ripetutamente accusata di abusi sui minori. Poiché avrebbe anche realizzato immagini di questo, è stato anche accusato di fare pornografia infantile. Per mancanza di prove, il cantante è rimasto in libertà.

Un articolo di Notizie BuzzFeed lo ha costretto a tornare in difesa nel 2017. L’articolo descrive come Kelly abbia fatto rinchiudere sei donne in un culto sessuale. I genitori hanno detto di non aver mai più rivisto le loro figlie dopo che Kelly aveva promesso di aiutarle nella loro carriera musicale. Secondo gli ex dipendenti del cantante, le donne avrebbero dovuto chiamarlo “papà” e chiedergli il permesso di lasciare le loro stanze.

AFP

R. Kelly all’inizio del processo a Chicago nel settembre 2019

A seguito di questo articolo, e all’inizio del movimento #MeToo, molte altre donne hanno avanzato accuse. Il documentario in sei parti Sopravvissuto a R. Kelly nel 2019 è stato l’ultimo chiodo nella sua bara. Nella serie, che è diventata rapidamente virale sui social media, ancora più donne hanno parlato. Raccontano come sono stati costretti ad atti sessuali quando erano minorenni e poi ricattati con registrazioni video.

READ  Maurizio Principato, il popolare giornalista radiofonico morto dopo essere caduto sulla sua bicicletta

Predatore

Nel 2019, le cause sono state nuovamente intentate contro Kelly sulla base delle nuove accuse. Oltre ad abusi sessuali e possesso di materiale pedopornografico, è anche accusato di traffico di esseri umani. In effetti, negli Stati Uniti, ha portato ragazze minorenni in altri stati per fare sesso con loro. Secondo la legge statunitense, questo è considerato traffico di esseri umani.

Il pubblico ministero di New York ha definito Kelly un predatore all’inizio del processo. “Un uomo che ha usato bugie, manipolazioni, minacce e violenza fisica per dominare le sue vittime ed eludere la responsabilità per anni”. Kelly è in prigione dalla fine del 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.