38 morti e oltre 50 feriti durante un comizio religioso – Corriere.it

Almeno 38 persone sono state calpestate a morte e più di 65 ferite nella fuga precipitosa giovedì dopo la mezzanotte durante un raduno religioso per celebrare la festa di Lag B’Omer sul Monte Meron in Alta Galilea. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha definito l’incidente un “terribile disastro”. Il servizio di soccorso ZAKA ha detto che almeno 38 persone sono morte. Magen David Adom – l’equivalente israeliano della Croce Rossa – ha detto che i suoi paramedici stavano curando 65 persone, 6 delle quali in condizioni critiche e 18 gravemente ferite. Il servizio di soccorso ha detto che sei elicotteri e dozzine di ambulanze stavano evacuando i feriti all’ospedale Ziv di Safed, al Galilee Medical Center di Nahariya, al Rambam Hospital di Haifa, all’ospedale Poriya di Tiberiade e all’ospedale Hadassah Ein Kerem di Gerusalemme.

La causa precisa del disastro non è ancora chiara. I primi rapporti ha segnalato il crollo di uno stand in uno dei concerti a cui hanno partecipato 100.000 persone. Tuttavia, secondo il servizio di soccorso Magen David Adom, la tragedia è stata causata dal crollo e dal sovraffollamento. Un’enorme folla ha partecipato al raduno annuale nel nord della Galilea per pregare sulla tomba del rabbino Shimon Bar Yohai, un mistico e saggio del II secolo d.C. “Le squadre di soccorso sono state chiamate a uno dei concerti vicino alla tomba di Bar Yochai, dove c’è stato un terribile crollo vicino a un edificio. C’erano dozzine di persone intrappolate in uno stand vicino e ci è voluto del tempo per evacuarle “, ha detto il portavoce della MDA Zaki Heller. “Ci sono vittime, è una tragedia terribile”, ha detto, aggiungendo che è stata un’operazione di salvataggio molto complicata che sarebbe durata tutta la notte.

READ  negativo, ma organi interni distrutti - Libero Quotidiano


Come ogni anno in occasione della festa ebraica di Lag B’Omer (Ricordando la ribellione ebraica della tradizione del 132 dC, è l’autore del testo mistico de “Lo Zohar”. Lo splendore. Questo evento è stato il più frequentato in Israele per anni, a volte attirando fino a mezzo milione di persone. Ultimo anno, a causa del coronavirus, è stato cancellato. Quest’anno, con il miglioramento della situazione sanitaria, è stato autorizzato, ma con molte limitazioni che però non hanno resistito alla pressione della grande folla Un’altra catastrofe avvenuta anche sul monte Meron nel 1911. Poi decine di persone morirono quando un edificio crollò vicino alla tomba del rabbino.

30 aprile 2021 (modificato il 30 aprile 2021 | 02:52)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *