Ecco come i nostri inviati affrontano il caldo del sud Europa: “Qui è inebriante”

Ecco come i nostri inviati affrontano il caldo del sud Europa: “Qui è inebriante”

Anouk Boone a Roma

“Fa molto caldo questa settimana”, esordisce la corrispondente italiana Anouk Boone. “Anche quando la temperatura rimane sotto i 40 gradi, l’umidità la rende inebriante. Ci penso due volte prima di uscire”.

A volte devi lavorare. Quando parliamo con Boone oggi, sta facendo un reportage in Toscana. “Dove c’è ombra, la cerco. Bevo molto e indosso abiti di lino.”

Poco affamato

Niente pasta nel menu, ma insalate. “Non ho molta fame ora.” Il consumo di espresso è stato notevolmente ridotto.

Dove normalmente l’inviata a volte si sbarazza delle mail su un terrazzo, ora lo fa a casa. “Con un ventilatore o l’aria condizionata accesi. Non voglio lasciarlo acceso tutto il giorno, ma lo faccio per qualche ora al giorno adesso.”

Il meteorologo Maurice Middendorp di Buienradar afferma che il picco di temperatura in Italia sarà raggiunto oggi o domani. La Sardegna è il posto più caldo del Paese: “Entrambi i giorni sembra che ci siano 46 gradi”.

Non si tratta di un record assoluto: “L’11 agosto 2021 è stata misurata anche in Sicilia una temperatura di 48,8 gradi. In precedenza, questo non era stato riconosciuto come record ufficiale dall’Organizzazione meteorologica mondiale, ma è accaduto ieri sera”.

Record o no, è “intenso”, osserva Boone. Eppure, le prime pagine dei giornali italiani prestano ben poca attenzione alle temperature estreme. “Ormai è la terza estate consecutiva che fa molto caldo. Gli italiani ovviamente sono più abituati a tenere le persiane chiuse”.

Inoltre, il cambiamento climatico non è una priorità nell’agenda politica italiana: “Questo fa sì che qui il campanello d’allarme non suoni molto forte”.

READ  Seconda demo disponibile in tre formati, precarica ora su PS5 / 4 - Multiplayer.it

Nell’Andújar spagnolo, in Andalusia, ieri c’erano 44,8 gradi. Questo non è più possibile oggi, afferma Middendorp van Buienradar. “Il caldo peggiore si è spostato un po’ a nord-est, in Catalogna. Nell’entroterra, vicino a Barcellona, ​​possono esserci ancora 42 gradi”.

Richard Hogenkamp a Madrid

Il corrispondente Richard Hogenkamp dice che fa più caldo nella sua città natale, Madrid, tra le 17:00 e le 18:00. “La potenza e la temperatura del sole sono più elevate all’inizio della giornata, ma il calore viene trattenuto tra gli edifici. Nel tardo pomeriggio rimango in casa, con l’aria condizionata accesa”.

Anche Hogenkamp deve scendere in piazza per il suo lavoro, caldo o no. “Cammino sempre sul lato ombroso della strada.”

Nel video qui sotto, Hogenkamp ha già parlato di “desertificazione” in Spagna a causa del cambiamento climatico.

Un protocollo di calore è in vigore a Madrid, come in molti altri posti al momento. “Il comune avverte costantemente le persone: indossate un berretto o un cappello, bevete almeno due litri di acqua”. Lavorando contro le scadenze, il corrispondente a volte dimentica un po ‘questi consigli: “Quando torno a casa, improvvisamente mi rendo conto di quanto sia secca la mia bocca e che devo fare molto rifornimento”.

Hogenkamp non vuole lasciare l’aria condizionata accesa di notte. “Ci saranno circa 27 gradi in camera da letto. Non sto davvero riposando. Anche correre è un po’ un lavoro ingrato per questo motivo ora. Non ho voglia di farlo al mattino, fa così caldo presto.”

La “bolla di aria calda”, come la descrive Middendorp, si sta lentamente dirigendo verso la Grecia e la Turchia. Le temperature più alte sono attese lì questo fine settimana. “Nel sud-ovest della Turchia, sotto Izmir, può raggiungere i 45 gradi. Lo stesso vale per l’area intorno ad Atene all’interno della Grecia”.

READ  HelloFresh conta sugli Stati Uniti ora che gli europei si stanno ritirando

Olaf Koen a Istanbul

Il corrispondente Olaf Koens vive nella città turca di Istanbul, che è in parte in Europa. La temperatura ora è molto più bassa, con una massima questo fine settimana di circa 35 gradi. Ma ancora: “Fa un caldo torrido qui”.

Koens è da anni corrispondente in Medio Oriente ed è stagionato anche in fatto di temperature. “Certo che ti adatti, devi.” Organizza gli appuntamenti la mattina presto e il pomeriggio. “Cerco sempre l’ombra fuori. E non esco di casa per cose che posso organizzare anche online.”

E ancora: “Mia nonna diceva sempre: acqua, acqua, acqua e il resto verrà dopo. Non mi vedono nemmeno andare in giro in pantaloncini o maglietta. Indosso una camicia a maniche lunghe. morso.”

punto di contesa

Koens non tiene d’occhio le app meteo in vista del prossimo picco. “Queste app sono il grande pomo della discordia tra me e mia moglie”, ride. “Lei tiene d’occhio tutto. E lui? “Metto la testa fuori dal finestrino, guardo il tempo ed esco. Mi applico molto bene”.

Quando fa davvero troppo caldo, Koens ha l’asso nella manica per rinfrescarsi: “Faccio una specie di mezzo turbante con una maglietta. Poi ci puoi versare sopra mezzo litro d’acqua. Gocciola un po’, ma ti fa venire i brividi deliziosamente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *