500 km dalla montagna alla metropoli- Corriere.it

La Lunga Marcia è iniziata lo scorso marzo e il bene (o il male) di cui non si sa perché. Scesero dalle montagne del sud-ovest, al confine con il Laos. Per mesi nessuno ci ha prestato molta attenzione. Alle porte di Kunming, metropoli di 8 milioni di abitanti, arrivano le celebrità: Forse arriveranno a Pechino per i 100 anni del Partito Comunista, scherzano sui social network. Io sono il gregge che va a nord. Sono una quindicina: alcuni sono tornati dopo un po’, sostituiti da cuccioli nati lungo la strada. Finora hanno percorso 500 chilometri.

L’esperto Chen Mingyong ha detto all’agenzia Xinhua che questo è un record: gli elefanti amano vagare in cerca di cibo, ma nessuno in Cina era andato così lontano a memoria d’uomo. Il capobranco potrebbe essere inesperto. O che le cose buone trovate lungo la strada li hanno fatti stare con gli umani. Ma da un punto di vista zoologico è un grande enigma, ammette. New York Times Ahimsa Campos-Arceiz, il principale specialista di elefanti del giardino botanico tropicale di Xishuangbanna. L’importante per il pubblico riflettere sull’importanza ecologica di questa transumanza pachidermica, dice lo zoologo: Comprendiamo la curiosità che ha contagiato l’intera nazione. Ma le persone sono consapevoli delle implicazioni di questo fenomeno? Da un lato vorremmo preservare gli elefanti e le tigri, dall’altro non potremmo dare loro 10.000 chilometri quadrati per farli vivere in pace.


Dall’Asia all’Africagli incontri ravvicinati tra un numero crescente di esseri umani e fauna protetta alla ricerca di nuovi habitat stanno diventando un problema. 300 elefanti vagano liberi in Cina (erano 200 decenni fa). La quindicina della Lunga Marcia (6 femmine, 3 maschi adulti, 3 giovani e 3 cuccioli) ha finora causato danni per un milione di euro. Sei la scorsa settimana hanno bevuto 2 tonnellate di acqua in una concessionaria di auto car. Altri divoravano i raccolti, uno si ubriacava ingoiando cereali fermentati. I carrelli dell’ananas sono spariti con cui i guardaboschi avevano cercato di attirarli nelle foreste. Certamente no. I 15 nomadi percorrono le strade del nord e nessuno sa perché.

READ  Coronavirus, virologo Yan: "È un patogeno creato in laboratorio. Nessuno dice la verità: anche l'Oms sta lavorando con Pechino"

A novembre erano nelle montagne dello Yunnan, non lontano dalla cittadina di Pu’er famosa per il suo tè. Sono rimasti lì per cinque mesi, è nato un piccolo. Il 16 aprile tornarono in strada. Ora, una task force di 360 persone, con 76 veicoli e 9 droni, li sta seguendo, cercando di bloccarli con transenne e nuove promesse di cibo, senza far loro del male. L’altro ieri erano a Yuxi, a soli 20 km dalla prima grande metropoli che hanno superato. Nessuno può prevedere i loro movimenti e che, in un Paese abituato a pianificare tutto, ha qualcosa di benefico e di disarmante. Il pubblico si diverte, le autorità avvertono di starne alla larga (dal 2011 al 2019 50 persone sono state uccise o ferite dagli elefanti asiatici). E continuano il viaggio. Nostalgia della casa, finora nessuna.

4 giugno 2021 (modificato il 4 giugno 2021 | 19:03)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *