Centrodestra, Salvini vuole il partito unico (senza Fdi). Berlusconi apre, Carfagna e Gelmini contro. È una lite in Forza Italia

UN Centrodestra federato in poche settimane, almeno tutto ciò che supporta il governo Draghi. Iniziare con gruppi unici in Parlamento con l’idea di organizzare elenchi comuni per le prossime politiche, che saranno 2023 perché il presidente del Consiglio “sta bene” e quindi il Quirinale può aspettare. Matteo salvini accelera sul presunto progetto di un “rafforzamento” dell’alleanza, almeno con Vai Italia. Perché in questo momento Fratelli d’Italia resta fuori dalla porta, poiché è “difficile” unire le forze della maggioranza e opposizione.

Il progetto di Salvini, però, pur accogliendo l’interesse di Silvio Berlusconi, causò subito grande tensione all’interno del Partito Blu. Durante l’odierna riunione per discutere la questione, i due ministri Mara Carfagna e Mariastella Gelmini si opposero all’apertura dell’ex Cavaliere, sostenendo che con la federazione di Forza Italia rischiava di perdere la sua identità, i suoi valori moderati. “Invece avremo successo se allarghiamo quest’area, senza rischiare l’annessione alla Lega”, è il ragionamento dei due, almeno secondo la ricostruzione delAnsa. Secondo l’agenzia, inoltre, ad un certo punto durante il vertice, Mara Carfagna ha affermato che l’apertura di Berlusconi, trasmessa anche all’esterno attraverso le agenzie, potrebbe 50 parlamentari azzurri lasciare la festa. A questo punto i presenti all’incontro hanno segnalato una sorta di contenzioso con il capogruppo al Senato, anna maria Bernini, a favore della federazione: “Cos’è, un avvertimento mafia?” disse Bernini. “Conosco il mafia e so di cosa si tratta “, ha risposto il ministro. “Fortunatamente no”, la risposta.

Comunque, la linea del leader Lega è illustrato in un’intervista con Il giornale, perché è proprio agli Azzurri che si rivolge il messaggio di unità. Esteso anche a Giovanni Toti e Luigi Brugnaro, nuovi fondatori di Coraggio Italia, con cui spera in un “Sintesi senza litigi”. Come detto, l’ipotesi di Salvini è stata ritenuta “da considerare con molta attenzione” da Silvio Berlusconi durante un incontro via Zoom con i vertici di Forza Italia. “Ne parleremo negli uffici del partito”, ha spiegato, consegnando il tutto a un confronto interno con gli azzurri. Certamente, ha aggiunto, una “maggiore unità” con le altre forze del centrodestra “ci permetterà di dare più forza Saluti battaglie storico”. E poi ha assicurato: “Ho sentito qualcuno dire che saremmo stati piatti sulla Lega: ma quando? guida alla festa centrodestra e ho sempre trovato in Matteo Salvini a ascoltatore attento: i nostri rapporti sono ottimi”.

READ  DJ morta, Viviana aveva scalato il pilone per sfuggire a due Rottweiler

Ma l’ex ministro dell’Interno guarda anche all’orizzonte dell’esecutivo ed è esplicito: “Noi pensiamo di arrivare con Draghi a fine del mandato, nel marzo 2023″. Anche perché l’ex numero uno della Bce, secondo Salvini, “sta bene”. Ma se opto per il Quirinale “ne sarei il primo tifoso”. Tuttavia, si tratta di “Discorsi prematuri”. Mentre la federazione di centrodestra è molto più vicina alle priorità della Lega: “Dobbiamo fare un passo avanti. E fallo velocemente, non solo sul applicazione per Comunale nelle grandi città. “Credo e spero di entrare giugno arrivare alla federazione delle forze di centrodestra, almeno di quelle che sostengono il governo Draghi. Tutto”. Con un imperativo: non è un’annessione di Forza Italia. Anzi: “Siamo tutti allo stesso livello”.

Il primo passo è creare “gruppi unici alla Camera e al Senato”. Quindi hai bisogno di un “lavoro di coordinamento” con “Conferenze stampa congiunte” e “iniziative legislative a favore dell’unità”. La sintesi salviniana è che “ci sono diversi modi di rafforzare l’unità centrodestra. ”Un progetto che secondo Salvini deve includere anche Toti e Brugnaro, ma non Giorgia Meloni. Almeno per ora. “Mi sembra difficile unire le forze della maggioranza e dell’opposizione – spiega – Ma io dico che abbiamo il dovere di creare liste comuni con tutti nel 2023″. Uniti nella maggioranza “Scegli candidati comuni” e “ciascuno farà la sua corsa in proporzione” e “lì esprimerà la sua identità”. “Non siamo fidanzati con Salvini, ma c’è un forte rapporto di alleanza. C’è un gioco da diffondere, ma spesso ci si scherza su”, ha commentato Giorgia Meloni.

READ  Elisabetta Gregoraci, tra polemiche l'esordio di Battiti Live 2021 / "Imbarazzante"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *