Ad Angela de Jong – Lettera di gen

Film e serieFilm e serie

Cara Angela,

Devi essere arrabbiato con i tuoi capi!

Per settimane ti hanno fatto condurre la demolizione di John de Mol (e sua sorella) sul giornale e su tutti i talk show che volevi, per via della vicenda #MeToo con lo spettacolo ‘The Voice of Holland’.

E poi all’improvviso si scopre ieri al podcast “I concerti” di Yves Gijrath e Erik de Vlieger che un gigantesco affare #MeToo è stato tenuto segreto per anni dal tuo stesso datore di lavoro, DPG, e dal tuo giornale, Algemeen Dagblad.

Dal tuo editore Hans Nijenhuis (che ora è un commentatore del giornale).

Dal belga Christian Van Thillo, il John de Mol di DPG.

Qual era il caso?

Quando i belgi del DPG (allora ancora De Persgroep) acquistavano giornali olandesi, mandavano sempre il loro capo giornalista di De Persgroep in queste redazioni per insegnarci “noi” a fare giornali redditizi.

Jaak Smeets è il suo nome.

Smeets, amico personale di Christian Van Thillo, ha mostrato comportamenti sessualmente trasgressivi nei confronti dei dipendenti di questi giornali (anche nei confronti del tempo Caporedattore di Parool Barbara van Beukering

All’inizio del 2016 sono state presentate diverse denunce contro Smeets. Ha ricevuto un avvertimento ufficiale per “anticipazioni indesiderate”, ma anche una “seconda possibilità”.

Lo afferrò con entrambe le mani.

letteralmente

Perché alla fine del 2016 sono seguite le denunce e Smeets è stato finalmente licenziato.

Solo: è stato fatto nel modo più onorevole. Con un sacco di soldi per le stock option De Persgroep lo comprò e una dichiarazione d’amore di John de Mol di De Persgroep, Christian Van Thillo.

READ  Paolo Bonolis, svelato il mistero di Luca Laurenti: `` Nessuno lo sa ''

ha detto VanThillo“Fin dalla sua creazione nei primi anni ’90, la storia di De Persgroep è stata una grande avventura in cui l’attenzione creativa e giornalistica è inestimabile. Tutto inizia e finisce con la creazione di grandi media che hanno un successo duraturo con il loro pubblico. Jaak Smeets ha svolto un ruolo fondamentale in questo, realizzando grandi progetti giornalistici, ispirando le persone e condividendo le sue conoscenze con molti giornalisti che oggi determinano il volto dei nostri media. È anche la forza trainante di Campus De Persgroep, un centro di formazione dove oltre 1.800 giornalisti possono sviluppare ulteriormente i propri talenti. Ripenso con gratitudine ad una collaborazione unica con un uomo che ha saputo pensare anche in termini di business, senza mai perdere l’indipendenza del giornalista che è sempre rimasto. Auguro il meglio a Jaak.

Devi essere un buon ascoltatore per leggere che Smeets è stato immediatamente espulso per comportamento sessualmente trasgressivo.

In altre parole: un occultamento

Ai redattori olandesi (Philippe Remarque di Volkskrant, Hans Nijenhuis di Algemeen Dagblad, Ronald Ockhuysen di Het Parool e Cees van der Laan di Trouw) è stato detto il vero motivo delle dimissioni di Smeets.

Diresti, come hai fatto per le talpe, “Lo sapevano!”

Corretta.

Loro sapevano.

Tutti.

E hanno scelto di non informare le loro redazioni della vicenda #MeToo all’interno della propria azienda, di cui le donne delle loro stesse redazioni sono state o potrebbero essere vittime.

Sei mesi dopo il suo avvertimento ufficiale, Jaak Smeets, quel bell’uomo belga, era ancora in grado di cercare carne fresca di sesso femminile nella redazione di De Persgroep.

READ  Fine di un'era: Jan de Hoop dice addio a Breakfast News, "e fa male"

Senza dimenticare il Campus De Persgroep…

Il tuo allora capo Hans Nijenhuis, questo viscido che Rutte potrebbe creare e distruggere e ti ha reso grande, ha scelto di tenere all’oscuro i suoi editori.

Proprio come i suoi colleghi di Volkskrant, Het Parool e Trouw.

E tutti quegli editori sono saltati con entusiasmo sul carro del #MeToo globale un anno dopo.

demolito (gestito dal quotidiano DPG Trouw) il produttore Gijs van Dam quando Jelle Brandt Corstius disse anni dopo di essere stato violentato da lui.

Hanno accusato John e Linda de Mol di sembrare disgustosi e di nascondere il loro comportamento negli affari di “The Voice of Holland”.

Ha scritto intere pagine su Marc Overmars (e sulla sua psiche).

Annusato quando De Telegraaf ha sospeso Mick van Wely.

Anche tu Angela.

Eri iperattivo, soprattutto nei confronti della famiglia De Mol.

Mentre erano al tuo datore di lavoro e al tuo giornale, potrebbero aver agito in modo molto più rimprovero di John e Linda de Mol.

Se fossi in te, darei un pugno a Hans Nijenhuis la prossima volta che vedrò quella cagna inquietante in redazione con un’incredibile museruola da pavimento.

Anche a nome di tutte le donne di Persgroep che sono state molestate da questo predatore belga.

Ma ovviamente puoi anche continuare a parlare del puntino nell’occhio di John de Mol e ignorare il dipartimento nei tuoi stessi capi.

se acceso, in termini di lavoro a tempo indeterminato

Saluto,

JanD

PS. regalo. Qualcosa che ci collega

PS2. Per chi se lo fosse perso: la mia nuova newsletter

Avvertimento: La “Lettera di Jan” è resa possibile in parte attraverso regolari donazioni mensili (torna da me) e/o omaggi accessori (per la signora Dijkgraaf† Grazie per questo! (Compra tramite il link del mio partner su bol.com è anche apprezzato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *